Con ZanzaMapp le zanzare si geolocalizzano con lo smartphone

Nasce da un'idea di un ricercatore della Sapienza di Roma

zanzare
Si chiama ZanzaMapp e promette di aiutare gli italiani a difendersi dalle zanzare. Ad una condizione, però: che gli utenti aiutino a raccogliere informazioni sulla distribuzione di questi insetti sul territorio nazionale.

L’app, nata dall’idea del ricercatore dell’Università “La Sapienza” di Roma Cesare Bianchi, è disponibile per Android, iOS, Windows Phone e, tramite il sito web.zanzamapp.it, per computer. Suo scopo è raccogliere le segnalazioni degli utenti per incrociarle con i dati raccolti con le trappole entomologiche utilizzate dagli esperti e con quelli degli enti territoriali che dovessero decidere di contribuire all’iniziativa.

I dati raccolti sono pubblici

spiega Bianchi

e possono essere scaricati (debitamente anonimizzati) da chi ne fa richiesta in vari formati aperti così da poter essere fruiti da tutti i pubblici di riferimento sia a scopo di monitoraggio e coordinazione delle azioni di disinfestazione sia a scopo di analisi a fini entomologici.

Via e Foto | ZanzaMapp

  • shares
  • Mail