Cure dolci: dimagrire con il bodywork

Chi da sempre fa i conti con il soprappeso e non trova rimedio né con diete né con appelli a tutti i santi in paradiso, ha oggi un’opportunità in più per far fronte al disagio. Perché di disagio a tutti gli effetti si tratta, spesso con radici psicologiche che esulano da tutte quelle ragioni comunemente associate al soprappeso, metabolismo capriccioso in primis, sgarri alla dieta in secundis.

La tecnica si chiama BodyWork e associa un profondo lavoro psicanalitico ad un massaggio con lo scopo di individuare i punti critici sui quali i blocchi psicologici hanno creato dei blocchi fisici. Il discorso è ben più complesso e coinvolge livelli profondi della psiche umana ma semplificando un po’ – non ce ne vorranno i terapeuti - il paziente affronterà delle sedute con lo psicologo che lo aiuteranno a rintracciare traumi, paure, blocchi emotivi, anche molto antichi, e successivamente incontrerà il massaggiatore che interverrà con un lavoro prettamente fisico volto a “sbloccare” l’energia ostacolata dai blocchi psicologici.

Né più né meno che una disciplina somatica, quindi, come lo Yoga: intervenire sull’anima per migliorare anche il corpo. Una variante della sempre valida “mens sana in corpore sano”. La sapevano lunga, gli antichi romani, ma non erano i soli.

  • shares
  • Mail