Botulino: in America è amore, ma gli italiani restano diffidenti

Gli americani scelgono la tossina botulinica per cancellare i segni del tempo, gli italiani invece sono diffidenti e molto curiosi.

Pelle liscia, rughe distese e un aspetto più giovane. Il trattamento più amato dagli americani per contrastare i segni del tempo è, ancora una volta, il botulino: in cima alla classifica dei dati pubblicati dall’American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS) per il quattrodicesimo anno consecutivo. Nel 2014 sono stati effettuati ben quasi 3 milioni e 600mila i trattamenti con tossina botulinica, il 40% di tutti i trattamenti di medicina estetica praticati oltreoceano.

botox

L’Italia, che ha sempre mantenuto una certa diffidenza nei confronti della tossina botulinica, sta dando risultati in controtendenza rispetto a quelli americani. Registriamo un crescente interesse verso il botulino. Del resto, gli elevati profili di sicurezza, sanciti anche dai più recenti studi clinici, fanno della tossina botulinica una delle principali sostanze per il ringiovanimento del volto.

Ha commentato il presidente dell’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino - AITEB, Massimo Signorini. I dati raccolti in America ci dicono che le persone che ricorrono a questo trattamento hanno nel 43percento tra i 35 e i 50 anni e nel 31 percento tra i 51 e i 65 anni- Rispetto al 2013, l’anno scorso si è ridotto il ricorso alla medicina estetica in generale (-6,6%), anche nei confronti della tossina botulinica (-4,7%).

Dove funziona meglio l’applicazione della tossina? Attenua le rughe degli occhi, le zampe di gallina, e quelle della glabella, tra gli occhi. Più rari gli usi nella zona periorale, nella regione del naso, del mento e del collo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail