Insufficienza venosa, come combatterla a tavola con i cibi giusti

Quando le vene perdono tono ed elasticità bisogna rinforzarle anche attraverso l'alimentazione. Ecco i cibi su cui puntare per migliorare la circolazione

L'insufficienza venosa è un disturbo del microcircolo e della circolazione periferica che produce un rallentamento dell'afflusso di sangue dalle zone inferiori del corpo al cuore. All'origine di questo problema che colpisce più facilmente le donne, anche giovani, ci sono diversi fattori, tra cui sovrappeso (o gravidanza), disturbi endocrini, inattività e rilassamento del tono venoso, a sua volta facilitato anche dal fumo e dalla dieta inappropriata.

Insufficienza-venosa

Infatti le pareti delle nostre vene per riuscire a compiere il lavoro di pompaggio del sangue dal basso verso l'alto (il che include una necessaria "lotta" contro la forza di gravità), devono essere perfettamente elastiche, ma quando si verifica una perdita di tono, i vasi tendono a rilassarsi e il sangue a ristagnare.

E così l'insufficienza venosa è all'origine di tipici disturbi come le vene varicose e il gonfiore di gambe e caviglie che affliggono tante donne. Altri tipici sintomi sono la rottura di capillari sotto cute, tendenza alla ritenzione idrica e senso di pesantezza alle gambe, crampi, prurito e formicolii.

Le gambe appaiono quindi edematose, la cute tende a scurirsi per il ristagno venoso assumendo una colorazione rossastra, ed è più facile che compaiano inestetismi come la cellulite. Che fare? Se non ci sono altre patologie angiologice e non (ad esempio il diabete o disfunzioni ormonali), associate, e l'insufficienza venosa è provocata solo da rilassamento dei vasi, allora un ottimo alleato per prevenire disturbi ulteriori e migliorare la circolazione è senza dubbio l'alimentazione.

Chi abbia problemi venosi deve innanzi tutto cercare di recuperare il peso forma dimagrendo se in sovrappeso, eliminando cibi troppo grassi (specialmente grassi animali), e zuccherini (dolci, carboidrati raffinati), aumentare l'apporto di fibre e di sostanze antiossidanti e bere molta acqua e tisane diuretiche. Ecco i cibi e i supplementi alimentari naturali amici delle vene:


  • Frutta e verdura ricche di vitamina C che ha effetto antinfiammatorio e rinforzante delle pareti dei vasi sanguigni. In particolare: arance, limoni, kiwi, fragole, cavoli, rucola, pomodori

  • Frutta ricca di antiossidanti come betacarotene (precursore della vitamina A che migliora la circolazione), tra cui: carote, peperoni, albicocche, pesche gialle, zucca, vegetali a foglia verde, lamponi, ribes e fragoline di bosco
  • Frutta ricca di bioflavonoidi e in particolare antociani, antiossidanti che proteggono le vene dal rilassamento e migliorano la circolazione riducendo gonfiori e accumulo di cellulite. Tra questi: ribes, mirtilli, more, uva nera
  • Lievito di birra: ottimo in caso di dilatazione dei capillari e tendenza alle varici
  • Pesce ricco di omega 3: sgombri, sardine, salmone, trote
  • Frutti e ortaggi ricchi di potassio, un minerale prezioso per cuore e circolazione: lo trovate in patate, banane, lattuga, kiwi
  • Ananas: diuretica e antinfiammatoria
  • Cereali integrali e crusca ricchi di fibre per prevenire e combattere la stipsi, che peggiora la circolazione venosa
  • Infusi e tisane drenanti e coadiuvanti del microcircolo a base di: Equiseto, Pilosella, Betulla, Ippocastano, Rusco

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail