Lo psyllium in gravidanza: ci sono controindicazioni?

Il psyllium è una fibra naturale che si utilizza per contrastare la stitichezza. Si può assumere in gravidanza e quali sono le controindicazioni.

Contro la stipsi, un rimedio molto utilizzato è psyllium. Sono numerose le persone che scelgono questa fibra per regolarizzare il transito intestinale. Durante la gravidanza si può assumere o è controindicato? In realtà sarebbe meglio essere prudenti, perché può provocare reazioni allergiche. Detto ciò è possibile sfruttare l’azione di questo prodotto, acquistandolo possibilmente combinato a dei fermenti lattici.

psyllium colon irritabile

La stipsi in gravidanza è un problema molto diffuso. La causa è soprattutto l’aumento del volume dell’utero che va ad ostacolare i movimenti intestinali. La prima cosa da fare è quindi, soprattutto nel secondo e terzo trimestre, evitare le grandi abbuffate, che possono affaticare la digestione. Meglio piccoli pasti, sempre con una dose di verdura. La stitichezza può essere frutto di un’alterazione della flora batterica, che può comportare infezioni alle vie urinarie e genitali, altro problema fastidioso e frequente in gestazione.

I lassati naturali, così come i lassativi in generali, se assunti per troppo tempo o non nelle giuste quantità possono causare diarrea e meteorismo. Quindi per evitare spiacevoli effetti collaterali è sempre meglio chiedere al proprio medico: è giusto comprendere che un prodotto naturale non è per definizione privo di rischi, semplicemente non dovrebbe contenere prodotti chimici al suo interno.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Cure Naturali; Medicina Materno Fetale

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail