L'infedeltà si legge sulle dita: chi tradisce ha l'anulare più lungo

Da un curioso studio inglese emerge che le persone, sia uomini che donne, con un anulare particolarmente lungo, sono le più inclini al tradimento...

L'anulare è il dito dell'amore ma anche quello del... tradimento. L'infedeltà, secondo un curioso studio inglese (preceduto, però, da altri che arrivavano alle stesse conclusioni), sarebbe scritta nelle dita delle mani, e in particolare a rivelarci la tendenza, o meno, a "mettere le corna", sarebbe proprio quel dito su cui infiliamo la vera nuziale, il dito dell'anello che suggella l'amore, l'anulare, appunto.

I ricercatori dell'Università di Oxford coordinati dallo psicologo Rafael Wlodarski, dopo aver attentamente catalogato le dita (e le tendenze fedifraghe) di 1300 connazionali - uomini e donne - ha sancito che coloro che avevano un anulare destro nettamente più lungo dell'indice della stessa mano, erano anche i più "traditori".

Infedelta-anulare

Secondo la ricerca, la lunghezza delle dita di ciascuno di noi che, così come le altre misure del corpo, è programmata geneticamente, viene però influenzata dalla vita intrauterina. Nello specifico, un anulare molto lungo è tipico dei soggetti che durante la gravidanza abbiano assorbito più testosterone, che è l'ormone maschile (prodotto in parte anche dalle donne), che regola la libido.

Pertanto anulare lunghissimo: corna assicurate. Ma è davvero così? Sempre stando ai dati della ricerca, circa il 57% degli uomini e il 47% delle donne è provvisto di questa caratteristica anatomica. Persone di cui non innamorarsi, potenziali partner fedifraghi che ci spezzerebbero il cuore? Non esattamente:

Il comportamento umano è influenzato da diversi fattori, come l'ambiente e le esperienze di vita, che hanno un effetto molto più marcato sulla fedeltà rispetto a quanto avviene nell'utero materno

Spiega Robin Dunbar, co-autore della ricerca. Sarà senz'altro così, ma tra vedere e non vedere, cercate di scegliervi, se possibile, un partner con indice e anulare della mano destra più o meno uguali, perché sono i soggetti più fedeli, o meglio, meno inclini al tradimento. Da metterci la mano sul fuoco... La ricerca inglese è stata pubblicata sulla rivista Biology Letters.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest
Via | rainews.it

  • shares
  • Mail