Curarsi con i beta-glucani: le proprietà, i benefici e gli alimenti in cui si trovano

I beta-glucani sono fibre alimentari che combattono il colesterolo "cattivo" e aiutano a dimagrire. Vediamo in quali cibi si trovano e tutte le proprietà benefiche

Conoscete i beta-glucani? Forse questo nome non vi dirà molto, ma si tratta di sostanze naturali che posseggono molteplici proprietà benefiche per la nostra salute e che oltretutto possono diventare ottimi alleati della nostra linea se abbiamo bisogno di smaltire qualche chilo.

Si tratta di fibre che si trovano soprattutto nella crusca dei cereali, che è l'involucro che protegge il chicco e che purtroppo nel processo di raffinazione delle farine viene perso, a meno che non si tratti di prodotti integrali.

Beta-glucani

A contenere più beta-glucani non è però il frumento, quanto soprattutto l'orzo e l'avena, cereali che dovremmo imparare a considerare di più nella nostra dieta. Ma quali sono, in sintesi, gli effetti benefici dei beta-glucani contenuti in questi prodotti della terra e nei loro derivati?

Trattandosi di fibre polisaccaridi, una volta arrivate integre nell'intestino (la caratteristica delle fibre, infatti, è quel di non venire digerite ma di fungere da stimolo per il metabolismo delle altre sostanze nutritive), riducono l'assorbimento sia del colesterolo "cattivo" LDL e che degli acidi biliari tossici.

In pratica consumare alimenti ricchi di beta-glucani ci permette di abbassare il nostro livello totale di colesterolo, cosa che fa bene alla salute del cuore e dell'apparato circolatorio, ma anche di ridurre l'impatto metabolico degli zuccheri.

Soprattutto i beta-glucani contenuti nell'avena integrale (e derivati, come biscotti e pane), infatti, secondo diversi studi sarebbero in grado di ridurre l'effetto infiammatorio del glucidi (in particolare degli zuccheri semplici che fanno impennare la produzione di insulina necessaria per il loro metabolismo), rallentando e regolarizzando l'assimilazione degli stessi.

Questo significa che abbassando l'indice glicemico dei cibi amidacei e degli zuccheri raffinati inducono una migliore risposta insulinica, e noi sappiamo che ad alti livelli di questo ormone nel sangue, come si verifica nella sindrome da insulino-resistenza, corrisponde anche una maggior tendenza all'accumulo ponderale soprattutto nella zona addominale.

I beta-glucani, inoltre, come tutte le fibre, mantengono il salute la microflora batterica intestinale che costituisce anche una importante barriera immunitaria contro i principali agenti patogeni interni ed eterni, e pertanto ci aiutano a potenziare le nostre difese in modo naturale.

Insomma, da domani più crusca d'avena e orzo integrale (usatelo al posto del riso per preparare gustose zuppe, orzotti e insalate), a cui possiamo associare del lievito di birra per fare il pieno di beta-glucani.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail