La gravidanza dopo un aborto spontaneo: cosa fare

La gravidanza dopo un aborto spontaneo come deve essere affrontata? Cosa deve sapere una donna che ha affrontato un dolore così intenso come quello di perdere il bambino che portava in grembo?

Una gravidanza dopo un aborto spontaneo quando è possibile? Sicuramente perdere il bambino che sta crescendo nel nostro grembo è uno dei dolori più forti che si possono provare: prima di decidere di intraprendere un nuovo percorso per cercare di rimanere in dolce attesa ci sono molte variabili da tenere in considerazione.

Innanzitutto dovete seguire i consigli del vostro medico curante, del vostro ginecologo, che sicuramente vi consiglierà di aspettare qualche mese prima di riprovare a rimanere incinta: si tratta di tempi fisiologici da tenere in considerazione per permettere al corpo femminile di rimettersi in forma (di solito da 3 a 6 mesi).

Non dimentichiamo, poi, i tempi psicologici: dopo la perdita del proprio bambino, è normale che sia la donna sia l'uomo siano bloccati, per paura che accada ancora e per paura di provare nuovamente quel dolore.

Sicuramente sarebbe bene indagare sulle cause che hanno portato all'aborto spontaneo, per verificare se ci sono delle malattie o altre motivazioni che possono essere trattate prima di cercare di avere nuovamente un bambino. Sarebbe bene farsi seguire anche da uno psicoterapeuta, per affrontare psicologicamente la perdita del bambino che avevamo nel nostro grembo.

Prendetevi il tempo di cui avete bisogno e affidatevi sempre al vostro ginecologo, con il supporto magari delle ostetriche del consultorio che vi sapranno darvi informazioni utili anche per l'alimentazione da seguire in gravidanza e mentre si cerca di avere un bambino e anche le informazioni utili per l'assunzione di supporti vitaminici come l'acido folico, fondamentale per chi vuole avere un bambino.

gravidanza dopo un aborto spontaneo

Foto | da Flickr di bradfordst219

Via | medicinamaternofetale

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail