Il dolore al capezzolo in menopausa: cosa fare?

Il dolore ai capezzoli in menopausa può essere dovuto a diverse cause, ecco quali sono i rimedi consigliati.

Soffrire di dolore ai capezzoli in menopausa non è un evento raro. Generalmente la causa di tale disturbo va collegata ad uno squilibrio ormonale. Il dolore può riguardare un solo capezzolo o entrambi, e talvolta può essere davvero molto fastidioso. Tale disturbo va senza dubbio preso in seria considerazione dalla donna, che – in presenza di altri sintomi come arrossamento della parte, perdita di secrezioni dal capezzolo, presenza di noduli al seno, capezzolo introflesso o sensibilità dei capezzoli molto elevata – dovrebbe indubbiamente consultare il proprio medico specialista.

Come vi abbiamo spiegato in passato, oltre che agli squilibri ormonali e a un abbigliamento scorretto, il dolore al capezzolo può infatti essere dovuto anche a malattie più gravi, come infiammazioni oppure cancro al seno. Per questa ragione, prima di ogni cosa, sarà importante consultare il medico, per stabilire quali siano le esatte cause del nostro disturbo.

Detto questo, qualora il dolore a questa specifica parte del seno dovesse essere dovuto essenzialmente agli squilibri ormonali della menopausa, quali potrebbero essere i migliori rimedi per sbarazzarsi di questo fastidioso disturbo?

dolore ai capezzoli in menopausa


Gli esperti suggeriscono che un primo approccio per combattere il dolore ai capezzoli potrebbe essere rappresentato da un cambiamento dello stile di vita. Una vita sedentaria o una dieta ricca di grassi potrebbero infatti aumentare la gravità del dolore al seno, e lo stesso possiamo dire per lo stress. Se il dolore non è eccessivo (caso in cui sarà necessario rivolgersi al medico) potreste inoltre applicare degli impacchi caldi o freddi sulla parte.

Esistono inoltre degli approcci alternativi per alleviare il problema, come ad esempio il massaggio, l’omeopatia, o anche l’assunzione di integratori a base di erbe per trattare lo squilibrio ormonale. Una combinazione di diversi approcci rappresenta solitamente la via più efficace per risolvere il problema.

Alcune donne potrebbero prendere poi in considerazione l’idea di seguire una terapia farmacologica per trattare il disturbo, ed in tal caso sarà necessario parlare con il medico, che dovrà informarvi adeguatamente in merito ai pro e ai contro di questa scelta.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | 34-menopause-symptoms.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail