Pelle a rischio con lo smartphone: aumenta le rughe sul collo

Il problema sarebbe talmente diffuso da rendere necessario prodotti specifici per farvi fronte. Ecco di cosa si tratta

Dovrebbero semplificarci la vita, ma sembrano essere una fonte inesauribile di problemi: gli smartphone ci rendono raggiungibili 24 ore su 24, ci intrappolano nel web fino a tarda notte e, udite udite, rovinano la pelle. La posizione tipicamente assunta quando si usa il cellulare o il suo fratello maggiore, il tablet, con la testa continuamente chinata sullo schermo, sembra infatti promuovere la formazione delle rughe sul collo.

Il problema sarebbe tanto frequente da aver portato gli esperti della cosmesi a mettere a punto un prodotto specificamente pensato per far fronte a questo effetto collaterale delle moderne tecnologie per la comunicazione. Una crema, scopriamo leggendo il britannico Daily Mail, che promette di combattere attivamente la pelle cadente e le pieghe tipiche di quello che è stato battezzato “Tech Neck”. La sua azione si baserebbe sulla presenza di microgoccioline che creerebbero una sorta di cuscinetto dall'effetto lisciante. Un'imbottitura, insomma, che contrasterebbe il cedimento della pelle. Ma non finisce qui: accanto alla crema un concentrato promette di ridonare alla pelle l'elasticità e il volume perduti.

tech neck

Ad accertare l'esistenza del problema sono veri e proprio esperti del settore, come Christopher Rowland Payne, consulente dermatologo di The Lindon Clinic.

In genere il problema delle rughe e della pelle cadente su guance e collo inizia a mezza età avanzata

spiega il dernatologo.

Tuttavia negli ultimi 10 anni, a causa del “Tech Neck”, è diventato un problema per una generazione di donne più giovani.

Esisterebbero addirittura dei dati secondo cui questa forma di invecchiamento precoce riguarderebbe le donne tra i 18 e i 39 anni che possiedono una media di 3 apparecchi digitali e ne guardano lo schermo fino a 150 volte al giorno. A farne le spese sarebbero l'aspetto del collo e anche le espressioni del volto, modificate dalla perdita dei volumi del viso.

Se la cura di quest'ultimo fa parte della routine di bellezza quotidiana, purtroppo il collo è più spesso trascurato. Eppure, sottolinea Rowland Payne,

la pelle del collo è esposta tutti i giorni al sole a causa delle ampie scollature, soprattutto nelle donne.

A volte si pensa anche alla sua protezione, ma non si utilizzano quantità sufficienti di crema. Collo e décolleté, insomma, sono più trascurati di quanto si potrebbe immaginare e indipendentemente dal rischio “Tech Neck” prendersene maggiormente cura potrebbe essere una buona idea per evitare crisi di mezza età scatenate dalle prime rughe che arrivano a segnare la sua pelle.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Daily Mail

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail