A dieta dopo le feste: meglio iniziare con l'acqua

Non si tratta certo di digiunare, ma di idratarsi correttamente per favorire la depurazione dell'organismo e promuovere l'eliminazione dei chili accumulati durante le feste. Ecco come

Lasagne, zuppa di pesce, arrosti e, soprattutto, dolci a volontà: le feste natalizie hanno messo a dura prova la linea e non ci sarebbe da stupirsi se in molti includessero tra i buoni propositi del nuovo anno quello di mettersi a dieta. Probabilmente la maggior parte avrà deciso di iniziare a stringere la cinghia già dall'imminente 7 gennaio, quando la Befana avrà dato il colpo di grazia alla forma fisica riempiendo le calze di grandi e piccini con pericolosi dolciumi.

Non a caso è proprio nei primi 10 giorni di gennaio che si raggiunge il picco di ricerche di informazioni sul web utilizzando come temine di ricerca la parola “dieta”. Il fenomeno percorre da Nord a Sud tutta la penisola: la top 5 delle Regioni più a dieta sono infatti incluse Calabria, Sicilia, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Lazio. Ma come fare per rimettersi in forma?

La parola d'ordine sembra essere “depurazione”. A suggerirla è Alessandro Zanasi, esperto dell'Università degli Studi di Bologna e dell'Osservatorio Sanpellegrino, secondo cui prima ancora che mettersi a dieta bisognerebbe riprendere a idratarsi nel modo più corretto per depurare l'organismo. Il motivo è semplice: la necessità di depurarsi non è una pura credenza popolare, anzi, ha solide basi scientifiche. Per questo Zanasi non ha dubbi: un corpo depurato ha molte più possibilità di rispondere nel modo migliore possibile a un regime alimentare sano, vario ed equilibrato.

bere acqua

L'alleato fondamentale per raggiungere l'obiettivo “depurazione” è l'acqua, che, spiega Zanasi, ha tra le sue funzioni più importanti quella

di eliminare sostanze nocive, scorie e minerali inorganici, sostanze prodotte dall’organismo per trasformare gli alimenti e l’ossigeno in nutrizione ed energia.

L’acqua

sottolinea l'esperto

può essere un valido alleato per eliminare le scorie che appesantiscono il nostro corpo “lavando” l’organismo.

E' proprio nell'acqua, infatti, che sono disciolte le scorie eliminate attraverso i reni e le ghiandole sudoripare. Una corretta idratazione garantisce quindi una facile eliminazione di queste sostanze sgradite, riducendo allo stesso tempo mentre una carenza di acqua ne aumenta la concentrazione, costringendo reni e ghiandole sudoripare a un carico di lavoro eccessivo che a lungo andare può risultare dannoso.

Il consiglio è di bere almeno 1,5 o ancora meglio 2 litri di acqua al giorno, corrispondenti a 6-8 bicchieri. Di questi, 2 possono essere assunti caldi, a digiuni, proprio per favorire l'eliminazione delle tossine. Ricordate, infatti: l'acqua calda ha insospettabili virtù salutari!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail