Perdite gialle dopo il ciclo: le cause e i rimedi

Avere delle perdite vaginali è un fenomeno del tutto normale, ma in alcuni casi è necessario consultare il ginecologo. Ecco cosa vuol dire quando le perdite sono gialle, e quali sono i rimedi migliori.

Le perdite gialle dopo il ciclo sono sintomo di qualche malattia? E quando bisogna preoccuparsi e consultare il medico? In primo luogo, ribadiamo che avere delle perdite vaginali è un fenomeno del tutto fisiologico. Normalmente tali perdite sono chiare (trasparenti), e non emanano uno sgradevole odore. Le perdite possono presentarsi durante la fase dell’ovulazione, quando la donna è eccitata, durante il periodo della pubertà, o anche dopo la fine del ciclo mestruale.

In linea generale dunque, se le perdite appaiono di colore normale e non emanano un cattivo odore, non è il caso di farsi prendere dal panico. Detto questo, se le perdite dovessero assumere un colore diverso, un odore sgradevole, e se dovessero essere accompagnate da altri sintomi come bruciore, prurito, dolore e gonfiore, sarà naturalmente il caso di approfondire il problema.

Una delle cause delle perdite gialle dopo il ciclo potrebbe essere ad esempio la clamidia, malattia che provoca appunto delle perdite giallo-grigiastre, e che si trasmette sessualmente. Questa malattia andrà ovviamente curata, e sarà lo stesso ginecologo a presciverrvi un antibiotico.

Perdite gialle dopo il ciclo


Se le vostre perdite sono invece giallo-verdastre, schiumose, e se emanano un cattivo odore, potrebbe trattarsi di un’infezione sessualmente trasmissibile provocata dal Trichomonas vaginalis. Anche in questo caso il medico saprà individuare il trattamento più adatto, mentre infine, se la consistenza delle perdite è di tipo “cremoso”, potrebbe trattarsi di gonorrea, malattia che andrà trattata mediante la somministrazione di antibiotici.

Per prevenire questo genere di problema, sarà naturalmente importante attuare una corretta igiene intima, utilizzare dei detergenti intimi non aggressivi, che rispettino il Ph della parte, ed evitare di sottoporsi a delle lavande vaginali, che in condizioni normali, per una donna sana, non sono affatto necessarie. Evitate inoltre di indossare biancheria intima sintetica e di avere dei rapporti non protetti, specialmente se si tratta di rapporti occasionali.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Albanesi.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail