Salute a Natale, i rischi dei regali benessere all'insegna del low cost

In tempi di crisi tutti cerchiamo di risparmiare sui regali, ma occhio ai prodotti benessere low cost, possono nascondere insidie per la salute

A Natale dobbiamo stare particolarmente attenti alla nostra salute, e per diversi motivi. Intanto, proprio tra fine dicembre e i primi di gennaio arriva il primo picco dell'influenza stagionale, con il suo corollario di sintomi fastidiosi come febbre e spossatezza.

Poi le continue abbuffate rappresentano un attentato alla linea, ma anche alla salute di stomaco e fegato, pertanto dobbiamo imparare a regolarci evitando soprattutto di eccedere con dolci e superalcolici. E poi c'è la questione dei regali. In tempi di crisi tutti cerchiamo di risparmiare laddove possiamo, e spesso ci orientiamo per piccolo doni low cost da fare ad amici e parenti, i quali, però talvolta nascondo delle insidie.

Salute-Natale

Non ci pensiamo, ma tanti capi di abbigliamento - inclusa la lingerie che spesso viene regalata proprio tra Natale e Capodanno - che troviamo nei mercatini o all'ingrosso nei grandi empori soprattutto cinesi, sono realizzati con materiali potenzialmente tossici. I coloranti e i tessuti sintetici usati possono scatenare dermatiti allergiche, in chi sia predisposto, anche per la presenza di metalli come il nichel.

In particolare due coloranti, detti "Disperso rosso" e "Disperso blu", possono irritare la pelle, specie in zone del corpo delicate come l'inguine e le ascelle. Occhio anche alla bigiotteria. Orientatevi sempre per prodotti economici me a norma, anti allergici e nichel free per evitare di provocare nei destinatari dei nostri regali allergie tanto fastidiose quanto antiestetiche.

Attenzione agli accessori come borse, portafogli e cinture in pelle, perché in alcuni di questi articoli potrebbe essere contenuto un allergene chiamato bicromato di potassio che viene usato per la concia del cuoio. Per i nostri regali beauty e anti-age, inoltre, evitiamo di acquisatre filler o sieri per la pelle on-line, perché potrebbero essere scaduti o contenere sostanze tossiche.

Inoltre tutti questi prodotti devono essere prima testati dal dermatologo su una piccola porzione di cute, quindi mai fidarsi! Metalli pesanti, formaldeide e coloranti cancerogeni, composti chimici irritanti... sono tante le sostanze pericolose che troviamo in tanti articoli da regalo low cost, soprattutto se andiamo a fare shopping in esercizi commerciali non a norma, nelle bancarelle "improvvisate" dei mercatini natalizi e negli empori che acquistano in stock da Paesi in cui le norme di sicurezza vengono facilmente eluse.

Anche quando vi recate nelle erboristerie per comprare creme e detergenti naturali, leggete sempre le etichette, perché spesso nei prodotti cosi detti biologici si nascondono ugualmente sostanze tutt'altro che naturali come parabeni e olio di paraffina, ovvero derivati del petrolio. Informatevi inoltre sempre, prima di fare un regalo "da indossare", se il destinatario soffra di particolari problemi della pelle, dermatite o allergia al nichel o ad altre sostanze.

Per sicurezza acquistate solo articoli certificati con marchio CE e fatti con ingredienti o materiali naturali, meglio se venduti in negozi che conoscete e di cui vi fidate. Per proteggere voi stessi, poi, ogni volta che ricevete un dono "sospetto", ad esempio un capo di biancheria intima, lavatelo prima di indossarlo, e lo stesso valga per altri articoli di abbigliamento.

Le creme, i cosmetici e i gioielli di cui non vi fidate non usateli, e se vi accorgete di avere i primi sintomi di reazione allergica, toglieteli subito o smettete di usarli e rivolgetevi al medico. In genere basta eliminare l'allergene ed eventualmente fare una piccola cura con antistaminici o cortisonici per alleviare dermatiti e irritazioni. Anche a Natale la Salute rimane il nostro primo e principale bene, proteggiamola!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Wallcoo

  • shares
  • Mail