Caduta dei capelli, combattiamola a tavola con un pieno di vitamine e proteine

L'autunno è una stagione un po' difficile per i nostri capelli, che cadono copiosamente per il ricambio naturale ma anche per stress e calo delle difese immunitarie. Vediamo come porvi rimedio con l'alimentazione giusta

L’autunno è una stagione critica per i nostri capelli, soggetti a caduta per il ricambio stagionale che può raggiunger ben il 45% del totale della nostra chioma. Spesso, però, questo fenomeno naturale che asseconda la fase del foliage degli alberi (foglie che ingialliscono e cadono), acquista proporzioni tali d farci preoccupare.

Perdere capelli a mazzi, infatti, è un tipico sintomo di stress, e talvolta può nascondere anche un indebolimento del sistema immunitario e carenze nutrizionali.

Caduta-capelli-cibi

Pertanto, prima di ritrovarci con un evidente diradamento, dobbiamo correre ai ripari innanzi tutto con i rimedi che la stessa natura ci offre. A tavola possiamo combattere la caduta stagionale dei capelli in autunno facendo il pieno di vitamine e di proteine, proprio come consigliano i dermatologi e i medici estetici. Quali sono i cibi amici della nostra capigliatura?

In primis agrumi e peperoncino, ma in generale tutti i vegetali e gli ortaggi ricchi di vitamina C. Questa sostanza, infatti, è un eccellente antiossidante che stimola il sistema immunitario e regola la sintesi di alcune proteine che fanno parte della struttura del capello, tra cui la “famosa” cheratina. Attenzione a non cuocere o esporre a temperature elevate gli alimenti che contengono questa vitamina, perché il calore la degrada velocemente neutralizzandone gli effetti benefici.

E’ altresì utile mangiare spesso verdure a foglia verde e larga (bietole, spinaci, tra le altre, ma anche verze e cavoli in generale), ricchi di vitamine del gruppo B e di folati, sostanze che troviamo in buona misura anche nei legumi e nel germe di grano. La vitamina B va a rinforzare direttamente il capello e il follicolo pilifero, inoltre funge, proprio come la vitamina C, da stimolo per le difese immunitarie.

Dal momento che, come abbiamo visto, i capelli sono in parte fatti di proteine, sostanze che il nostro organismo sintetizza a partire dagli aminoacidi essenziali, per rinforzarli via libera alla carne, ma ancor di più al pesce (soprattutto azzurro come sardine e sgombri, ma ottimi anche salmone, merluzzo e trote), ricchi di acidi grassi omega 3 (potenti antiossidanti) e alle uova.

Ergo, per superare lo stress del cambio di stagione e ridurre al minimo gli effetti negativi dell’autunno sui nostri capelli dobbiamo puntare su un’alimentazione varia ed equilibrata aumentando il consumo di alimenti benefici, meglio se freschi, di stagione e, magari, anche del nostro territorio.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail