Cancro al seno, un aiuto da yoga e meditazione

Yoga e meditazione possono aiutare a combattere il cancro al seno?

Fino ad oggi molti studi hanno sottolineato l’importanza del ruolo dello yoga per alleviare lo stress e la depressione nelle persone malate di cancro. Adesso una nuova ricerca, pubblicata sul Journal of the National Cancer Institute Monographs, e condotta da alcune delle più importanti strutture specializzate in oncologia, ha voluto esaminare con esattezza quali terapie potrebbero offrire maggiori benefici ai pazienti affetti da questa malattia. La risposta è stata chiara e significativa: meditazione, yoga e tecniche di rilassamento offrono maggiori benefici per le persone affette da cancro al seno.

Stando a quanto emerso, sembra in effetti che la meditazione, lo yoga e le tecniche di rilassamento siano più efficaci per aiutare i pazienti a fronteggiare i disturbi dell'umore di cui spesso soffrono dopo aver ricevuto una diagnosi di cancro. L'ansia, lo stress e gli effetti della chemioterapia comportano infatti l’insorgenza di effetti emotivi collaterali nei pazienti.

Secondo quanto rivelato da un altro studio, condotto dai membri del Tom Baker Cancer Centre di Calgary, e pubblicato sulla rivista Cancer, sembra inoltre che le persone sopravvissute al cancro al seno che avevano praticato la meditazione mindfulness abbiano riscontrato dei benefici persino a livello “cellulare”.

Per l’esattezza, sembra che i telomeri delle cellule di questi pazienti abbiano conservato un migliore stato di salute rispetto a quelli dei pazienti che non si erano sottoposti a questo genere di trattamento. I telomeri sono complessi proteici situati alla fine dei cromosomi, da tempo collegati alla lunghezza e alla salute della vita del soggetto. Ebbene, secondo quanto emerso sembra che questi abbiano mantenuto la loro lunghezza nelle persone sopravvissute al cancro che praticavano la meditazione.

Per giungere a tale conclusione, gli esperti hanno esaminato un campione di 88 donne sopravvissute al cancro al seno, che avevano completato il trattamento almeno 3 mesi prima, e che stavano attraversando un periodo di forte stress emotivo.

Le donne sono state quindi divise in 3 gruppi. I membri del primo gruppo hanno seguito un programma di "mindfulness" per otto settimane, quelli del secondo hanno partecipato a delle sessioni di terapia di gruppo, mentre quelli del gruppo di controllo hanno partecipato a un seminario di gestione dello stress.

Yoga e meditazione cancro

Quindi, i ricercatori hanno analizzato i campioni di sangue prelevati da tutti i partecipanti, e hanno misurato la lunghezza dei telomeri, prima e dopo i vari interventi. Dalle analisi sarebbe emerso che i partecipanti che avevano preso parte ai gruppi di meditazione e di sostegno avevano dei telomeri più lunghi rispetto a quelli del gruppo di controllo. Una lunghezza maggiore dei telomeri è tipicamente considerata un segno di buona salute.

I risultati suggeriscono quindi che la pratica della meditazione e dello yoga, o anche partecipare a un gruppo di sostegno sociale, non solo ha un effetto emotivo e psicologico positivo sui sopravvissuti al cancro al seno, ma puà comportare anche dei cambiamenti cellulari positivi.

"Sapevamo già che gli interventi psicosociali come la mindfulness aiutano a sentirsi meglio mentalmente, - spiegano dunque gli autori della ricerca - ma ora per la prima volta abbiamo la conferma che questi possono influenzare anche aspetti chiave della nostra biologia”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Oncologynurseadvisor.com, Time

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail