Emozioni, la tristezza è quella che dura più a lungo

A durare meno di tutte è, invece, la noia

Alcune emozioni durano letteralmente un battito di ciglia. Altre, invece, possono diventare inseparabili compagne di vita. Purtroppo a durare più a lungo rispetto alle altre non è la felicità: secondo uno studio dell'Università di Lovanio, in Belgio, pubblicato sulla rivista Motivation and Emotion la più longeva fra tutte le emozioni è la tristezza.

Per arrivare a questa conclusione Philippe Verduyn e Saskia Lavrijsen, autori della ricerca, hanno chiesto a oltre 200 ragazzi in età di scuola superiore di raccontare quali fossero state le emozioni vissute più di recente e quanto fossero durate. In più ai partecipanti sono state poste domande sulle strategie utilizzate per valutare e affrontare queste emozioni.

Fra i 27 stati d'animo analizzati la tristezza è risultata essere il più duraturo. La noia, al contrario, è risultata l'emozione di più breve durata. La durata è risultata essere anche il parametro in grado di differenziare emozioni molto simili fra di loro. Verduyn e Lavrijsen hanno ad esempio scoperto che il senso di colpa dura molto più a lungo rispetto alla vergogna e che l'ansia è più duratura rispetto alla paura.

In generale, come ha spiegato Lavrijsen

le emozioni di breve durata sono tipicamente – ma, chiaramente, non sempre – scatenate da eventi di importanza relativamente bassa. D'altra parte

ha precisato la ricercatrice

le emozioni che durano a lungo tendono ad essere associate a qualcosa di molto importante.

Ecco, quindi, che la noia, la vergogna e la paura, ma anche la sorpresa, il disgusto o l'irritazione, spesso svaniscono tanto rapidamente quanto velocemente sono comparse, mentre la tristezza, spesso associata ad eventi ad alto impatto emotivo, come un decesso, può diventare una vera e propria compagna di vita.

Un vero circolo vizioso

tristezza

Secondo Verduyn e Lavrijsen alla base della durata di emozioni come la tristezza ci sarebbe un vero e proprio circolo vizioso alimentato dal continuo ricordare l'evento che ha scatenato la tristezza e le sue conseguenze.

La riflessione

ha spiegato Verduyn

è il determinante centrale del perché alcune emozioni durano più a lungo rispetto ad altre.

Riflettendo sull'evento che ha scatenato la tristezza le sue conseguenze diventano sempre più evidenti, e ciò non fa altro che mantenere viva l'emozione, arrivando anche a rafforzarla.

In questo modo emozioni come la tristezza continuano a rinnovarsi pensando all'evento alla sua origine. La noia, invece, sembra letteralmente bloccare il tempo, ma in realtà non è un'emozione altrettanto duratura: che dipenda tutto solo da quanto tempo impieghiamo a trovare un diversivo?

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Springer

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail