La tosse nei bambini in inverno: l'omeopatia e i rimedi casalinghi

A volte i farmaci non sono indicati. Ecco alcuni rimedi alternativi

La tosse non è una malattia, ma un sintomo. Questa regola non vale solo per gli adulti, ma anche per i bambini, che durante l'inverno possono facilmente trovarsi alle prese con sindromi influenzali, laringiti, tracheiti e bronchiti associate a una tosse che altro non è se non un meccanismo di difesa.

Questo atto semivolontario, stimolato dall'irritazione di alcuni recettori localizzati a livello di laringe, trachea e bronchi, serve infatti per liberare le vie aeree superiori dalla presenza di corpi estranei e secrezioni che potrebbero non solo ostacolare la respirazione ma anche favorire la proliferazione di microbi. Purtroppo, però, ad ogni colpo la tosse irrita e infiamma ulteriormente la mucosa delle vie respiratorie, instaurando un pericoloso circolo vizioso.

Come spiega Virgilio Donato, medico di famiglia esperto in omeopatia a Brescia, le cosiddette “tossi spasmodiche”, tipiche dell'inverno, possono durare anche settimane ed essere particolarmente fastidiose.

Se la tosse persiste per più di una decina di giorni senza migliorare è opportuno consultare il medico

spiega l'esperto. Non aspettatevi, però, che venga prescritta automaticamente l'assunzione di un mucolitico, soprattutto se il bambino ha meno di 2 anni.

L’AIFA (la massima autorità in Italia in tema di sicurezza dei farmaci) ha condotto un’analisi sui dati di farmacovigilanza, nazionali e internazionali, i cui risultati hanno rivelato che le sostanze mucolitiche (acetilcisteina, carbocisteina, ambroxolo, bromexina, sobrerolo, neltenexina, erdosteina e telmesteina) provocano un aumento delle secrezioni bronchiali nei bambini sotto i due anni, con conseguente difficoltà ad eliminarle attraverso la tosse.

Tosse psicogena foto

Per questo prima del compimento del secondo anno di vita il loro utilizzo è vietato. Come fare, allora, per aiutare i bambini? Una strada percorribile è quella dell'omeopatia. Virgili elenca i rimedi che prescrive più di frequente:


  • In caso di tosse particolarmente grassa, dovuta a bronchiti e tracheiti: Ipeca composé, 5 granuli mattino e sera.
  • Se in concomitanza con episodi di rinofaringite la tosse peggiora di notte: Cuprum metallicum 9 CH e Drosera 15 CH, 5 granuli in alternanza 4 volte al giorno.
  • Se la rinofaringite diventa grassa con muco e il paziente tossisce soprattutto al mattino: Kalium bichromicum 9 CH e Drosera 15 CH, 5 granuli in alternanza 4 volte al giorno.
  • Cuprum metallicum 9 CH e Coccus cacti 5 CH sono invece da preferire se la tosse è secca e incessante e se c’è catarro in gola.
  • Se la tosse è provocata da un colpo di aria: Rumex crispus 5 CH, 5 granuli 4 volte al giorno.
  • Per la tosse che si presenta tipicamente nei bambini – scarsa di giorno, secca di notte e grassa al risveglio – consiglio Pulsatilla 7 CH, 3 volte al giorno.
  • Se gli attacchi di tosse creano particolare nervosismo nel paziente, si può associare a Cuprum metallicum 9 CH e Drosera 15 CH (5 granuli di ciascuno 4 volte al giorno) anche Ignatia amara 15 CH, 5 granuli 2 volte al giorno.
  • Se è presente anche febbre, un buon consiglio è associare Oscillococcinum, per innalzare le difese antivirali, in ragione di una dose ogni 8 - 12 ore; non dimentichiamo che l'80% delle patologie ORL iniziano sempre come forme virali.

Per quanto riguarda, invece, i possibili rimedi casalinghi, il medico conferma l'utilità dei lavaggi del naso con soluzione fisiologica, di bere regolarmente, dell'assunzione di miele (magari sciolto in un po' di latte), di dormire sulla schiena con la testa leggermente rialzata e di umidificare l'aria (si può anche aggiungere all'acqua qualche goccia di essenza di eucalipto). Bisogna invece evitare di far stare troppo il bambinp al caldo: se è vero che è importante non che non prenda colpi d'aria, lo è altrettanto che la temperatura negli ambienti chiusi non dovrebbe superare i 20 °C.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | da Pinterest di Erica Wubben

  • shares
  • Mail