Pressione alta, lo zucchero è la vera causa?

Esiste un legame fra l’eccessiva assunzione di bevande zuccherate e un aumento della pressione sanguigna? Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

E’ lo zucchero, e non il sale, la vera causa della pressione alta? Sarebbe questa la conclusione di uno studio condotto dai membri del Saint Luke's Mid America Heart Institute in Kansas City, e pubblicato sulle pagine della rivista American Journal of Cardiology, secondo cui livelli elevati di zucchero potrebbero comportare un grave innalzamento della pressione sanguigna, con i conseguenti problemi legati all'ipertensione. Secondo quanto emerso dal nuovo studio, sembra per l’esattezza che livelli elevati di zucchero vadano a colpire un settore chiave del cervello (l’ipotalamo), che provoca un aumento della frequenza cardiaca, e quindi un conseguente aumento della pressione sanguigna.

La pressione alta aumenta a sua volta in maniera notevole il rischio di ictus e di malattie cardiache, ed è collegata a condizioni come obesità e diabete di tipo 2.

A parlare di questa nuova ricerca è stato lo stesso dottor James DiNicolantonio, che ha spiegato:

"Lo zucchero, sotto forma di bevande zuccherate, ha dimostrato di provocare un picco della pressione arteriosa, con conseguente aumento della variabilità della pressione sanguigna”.

Sotto accusa finiscono dunque, in particolar modo, le bevande gassate zuccherate, già oggetto di aspre critiche ormai da molti anni. I ricercatori americani ritengono inoltre che livelli eccessivi di zucchero potrebbero comportare anche una maggiore produzione di insulina, un ormone che può accelerare la frequenza cardiaca.

zucchero

Attraverso il suo studio, il dottor DiNicolantonio avrebbe inoltre contraddetto anche coloro che sostengono che ridurre il consumo di sale possa effettivamente abbassare i livelli di obesità e di malattie cardiache.

“Noi sosteniamo il contrario, - spiegano gli autori della ricerca - una riduzione del consumo di sale può comportare una maggiore assunzione di alimenti trasformati e, di conseguenza, può aumentare il rischio di diabete, obesità e malattie cardiovascolari”.

Stando a quanto riportato dunque, sembra che i famosi alimenti a basso contenuto di sodio sarebbero deleteri per la salute, dal momento che, assumendoli, il corpo andrebbe alla ricerca di quantità adeguate di sodio, e sarebbe quindi indotto a mangiare di più.

A commentare la nuova ricerca sarebbe stato anche il Dr Aseem Malhotra, cardiologo e direttore scientifico del gruppo Action on Sugar, il quale ha sottolineato: "Sappiamo che lo zucchero non fornisce alcun nutriente e vi è una crescente evidenza che si tratta di un fattore di rischio indipendente per molte malattie".

D’altro canto, come sostengono molti altri esperti, nonostante sia chiaro ed evidente che assumere troppo zucchero fa indubbiamente male alla salute, non è ancora giunto il momento di scagionare del tutto il sale. Alla luce di ciò, invece di eccedere con sale o zucchero, la cosa migliore da fare per stare davvero bene sarebbe sempre la stessa, ovvero … seguire una dieta equilibrata, non esagerare con l’assunzione di cibi dolci e salati, e seguire un sano stile di vita!

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Express.co.uk

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail