Cerotto per monitorare la temperatura corporea

Cerotto per monitorare la temperatura corporea

Una start up laziale ha messo a punto un cerotto per monitorare la temperatura del corpo.

Come tenere sotto controllo l’andamento della febbre? Una start up laziale ha messo a punto un cerotto per monitorare la temperatura corporea, molto utile anche per affrontare l’emergenza Coronavirus, oltre che altre malattie che annoverano tra i sintomi proprio un rialzo, lieve o più grave, della temperatura del corpo del paziente affetto.

EasyTem è il nuovo strumento altamente tecnologico, sviluppato da AEBiosystem e realizzato grazie a un finanziamento della campagna andata on air sulla piattaforma di equity crowdfunding Lifeseeder. L’obiettivo era di 90mila euro. Ma la campagna si è chiusa con un budget raddoppiato, pari a 180mila euro.

Fabio Miraglia, amministratore di Lifeseeder Spa, spiega:

In questo particolare momento di difficoltà economica siamo riusciti a supportare una start up dinamica e competitiva grazie al nostro network, chiudendo la campagna di investimento in overfunding.

Il cerotto hi tech monitora costantemente la temperatura corporea, un dispositivo utile anche per i pazienti con Covid-19. I cerotti, igienici e sostituibili, si possono mettere in diverse aree del corpo, come hanno spiegato gli sviluppatori. La temperatura corporea viene rilevata in pochi secondi, con una precisione unica. L’operatore può scegliere ogni quanto tempo controllare la temperatura, anche ogni 30 secondi. Tutti i dati vengono trasmessi a un’app per mobile. Così da rilevare in tempo eventuali rialzi di temperatura, che sono tra i sintomi principali per la diagnosi di molte malattie. Oltre che il modo utilizzato dai medici di tutto il mondo per capire che il corpo sta combattendo un’infezione.

Ogni anno in Europa si effettuano 70 milioni di misurazioni della temperatura. Avere uno strumento che lo fa in automatico permette non solo di ottimizzare il lavoro dei medici, ma anche di migliorare il trattamento dei pazienti che soffrono di questa sintomatologia.

Foto di Anastasia Gepp da Pixabay

Via | Adnkronos

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog