Cos'è la rinotillexomania? I sintomi e la cura

Avete mai sentito parlare di rinotillexomania? Ecco di cosa si tratta e chi ne soffre.

Con il termine “rinotillexomania”, dal greco rino (naso) e tillexo (grattarsi), si intende quel gesto che, sin da bambini, tutti (è inutile negarlo) abbiamo compiuto almeno qualche volta nella vita, ovvero … mettere le dita nel naso. Quando si è piccoli si compiono gesti come quello di “scavarsi il naso” senza tenere in considerazione le reazioni di chi ci sta intorno, ma crescendo questo vizietto tende ad essere “eseguito” di nascosto. Anche gli adulti spesso mettono le dita nel naso.

Se chiederete in giro, scoprirete che la maggior parte delle persone che conoscete mette le dita nel naso almeno un paio di al giorno, mentre un’esigua minoranza lo farà addirittura più di 20 volte al giorno.

E’ in questo secondo caso che scende in campo la psicologia. “Cedere alla tentazione” saltuariamente è infatti più che normale, ma farlo per più di 20 volte al giorno può nascondere un problema di natura psicologica, un problema chiamato appunto “rinotillexomania”.

Cause Rinotillexomania

Fra le cause della rinotillexomania, gli esperti segnalano un bisogno da parte del soggetto di “farsi vedere o notare” da chi lo circonda. Spesso il soggetto esegue questi “interventi di igiene nasale” di fronte alle altre persone, provocando naturalmente una reazione negativa da parte loro. Inoltre, esattamente come il problema della tricotillomania, questo problema può essere collegato ad un disturbo ossessivo compulsivo. Il soggetto può peraltro arrivare a provocarsi delle ferite ed escoriazioni all’interno delle narici, causando così dolore, ed arrivando anche a fare uscire sangue dal naso.

Normalmente a chiedere aiuto ad uno psicologo sono le persone consapevoli di creare un disagio non solo a sé stesse, ma anche alle persone che le circondano, e questa consapevolezza rappresenta già un importante passo avanti verso la guarigione. Grazie alla psicoterapia è comunque possibile arrivare ad una consapevolezza delle cause che hanno provocato il problema, e ad una sua risoluzione.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail