Virus dell'Ebola, morto medico liberiano curato con lo Zmapp

In Liberia, uno dei medici colpiti dal virus dell'ebola e trattati con il nuovo farmaco sperimentale Zmapp è deceduto. Altri dottori sono attualmente trattati con lo stesso siero, che ha salvato la vita al missionario statunitense ricoverato e curato ad Atlanta.

Abraham Borbor, il medico liberiano colpito dal virus dell'ebola e trattato con il siero sperimentale Zmapp, è morto. La notizia è stata data dal ministro dell'informazione della Liberia, Lewis Brown: nonostante avesse mostrato dei segni di miglioramento, il medico non ce l'ha fatta. Come sottolineato il suo decesso è stata una amara sorpresa per tutti, dal momento che la situazione sembrava essere migliore:

Ieri camminava tranquillamente e i dottori si erano detti ottimisti che potesse riprendersi completamente. Era un mio compagno di classe al liceo, quindi questa morte mi colpisce da vicino.

Il siero Zmapp è stato utilizzato con successo nel caso di Kent Brantly, che è completamente guarito ed ha lasciato nei giorni scorsi l'ospedale di Atlanta dove era ricoverato. Come lui, anche la collega infermiera Nancy Writebol è stata sottoposta al trattamento (ottenendo ottimi risultati), così come altri medici e un missionario spagnolo, deceduto nei giorni scorsi.

In Liberia sono infatti arrivate tre dosi di Zmapp: una è stata utilizzata, purtroppo senza successo, nel caso del medico liberiano, mentre altre due dosi sono state somministrate ad un medico nigeriano e ad un collega ugandese. Un quarto dottore, in isolamento come i primi tre, è guarito senza essere stato curato con il farmaco sperimentale americano.

ebola morto medico liberiano

Foto | da Flickr di European Commission

Via | Corriere

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail