Fecondazione eterologa, l'appello dei giuristi

Con un manifesto gli esperti fanno il punto della situazione, spiegando perché si può procedere senza ulteriori indugi

Numerosi giuristi italiani, insieme all'Associazione Luca Coscioni, hanno sottoscritto un manifesto/appello in cui chiedono il rispetto della sentenza che ha eliminato il divieto di fecondazione eterologa, sottolineando che

La sentenza n. 162 emanata dalla Corte Costituzionale lo scorso 9 aprile è immediatamente applicabile

e che

da ciò deriva la simultanea ripresa nei centri italiani della tecnica di fecondazione eterologa.

Secondo i giuristi non è necessario aspettare che il Governo o il Parlamento intervengano per colmare un "ipotetico vuoto di norma". Le attuali normative sulla tracciabilità e sicurezza di cellule e gameti (2004/23/CE e ss- DLGS 191 e ss) sarebbero sufficienti a regolare l'aspetto tecnico della fecondazione eterologa, mentre per quanto riguarda il numero delle donazioni si potrebbero semplicemente aggiornare le attuali Linee Guida anche in base a quanto avviene in paesi come Francia e Regno Unito, ma, aggiungono i giuristi,

tenendo conto dell'esigenza di consentirle entro un limite ragionevolmente ridotto.

donazione gameti

Ogni ritardo rispetto alla ripresa dell'attuazione delle tecnica eterologa sarebbe solo pretestuoso

dichiarano i firmatari, sottolineando che

non essendovi ostacoli quindi dovuti ad assenza di norme specifiche per il ripristino della tecnica con donazione di gameti, i centri di Procreazione Medicalmente Assistita potranno immediatamente riprendere l'applicazione delle tecniche eterologhe.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | AGI

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail