Benessereblog Salute Malattie Curare l’ipertensione: quando sono necessari i farmaci?

Curare l’ipertensione: quando sono necessari i farmaci?

Come si cura l’ipertensione e quali sono i farmaci necessari? Ecco alcuni prodotti indicati durante la terapia, che deve essere sempre prescritta e scelta dal proprio medico.

Curare l’ipertensione: quando sono necessari i farmaci?

L’ipertensione è l’innalzamento pericoloso della pressione arteriosa e può provocare malattie cardiovascolari gravi, come l’infarto. Come si può curare? La prima cosa che si richiede ai pazienti è quella di modificare un po’ le proprie abitudini di vita. Prima di tutto fare attenzione alla dieta, che deve essere iposodica, ridurre il peso corporeo e fare un po’ di attività fisica.

Quando questi provvedimenti non funzionano, è necessario seguire una terapia famacologica parallela. I farmaci che possono essere d’aiuto sono numerosi e sono di diverse categorie. Possono essere prescritti dei diuretici, dei bloccanti del sistema renina – angiotensina, un meccanismo ormonale che regola la pressione arteriosa (ACE inibitori, inibitori del recettore AT1 dell’angiotensina II). In alcuni casi ci vogliono dei calcioantagonisti, che bloccano l’entrata di calcio nelle cellule muscolari delle arteriole e riducono l’eccessiva costrizione arteriolare, dei betabloccanti, degli alfabloccanti e degli antiadrenergici centrali.

È vietato fare il fai da te. Deve essere il medico a prescrivere il prodotto giusto, in base a quella che è la propria situazione clinica. Di norma questi prodotti sono ben tollerati, anche se non sono privi di effetti collaterali. Il più comune è un senso di stanchezza, che dovrebbe scomparire nella prima settimana di cura. Non si può pensare di risolvere il problema solo con le medicine: è infatti importante un cambio di stile di vita.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | SIIA

Foto | Pinterest

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Diete dei gruppi sanguigni, quali sono
Salute

Le diete dei gruppi sanguigni hanno avuto una certa fama circa una decina di anni fa, e si basano sull’idea secondo cui chi appartiene a un determinato gruppo sanguigno, secondo lo schema AB0, dovrebbe consumare alcuni tipi di alimenti ed evitarne altri. La dieta del gruppo sanguigno non ha trovato riscontro positivo da parte del mondo scientifico, ma nonostante ciò, molte persone scelgono di seguirla e ne esaltano gli effetti portentosi. Vediamo perché.