Le cause dei risvegli notturni negli adulti e i rimedi migliori

Quali potrebbero essere le cause dei risvegli notturni negli adulti, e cosa possiamo fare per risolvere il problema?

Quello dei risvegli notturni è un problema che interessa moltissime persone. Capita spesso infatti che, nel cuore della notte ed apparentemente senza nessun ragionevole motivo, ci svegliamo e – nella peggiore delle ipotesi – non riusciamo più a riaddormentarci per ore intere, finché non arriva il giorno, e ci ritroviamo sul posto di lavoro completamente intontiti e desiderosi solamente di fare una bella dormita. Se una cosa del genere accade raramente, non ce ne preoccupiamo molto, ma il problema diventa più serio quando si presenta diverse volte durante il mese o durante la settimana.

Cosa fare a risolverlo? La prima cosa da fare è senza dubbio quella di scoprire le vere cause del nostro disturbo. Spesso i risvegli notturni sono dovuti alla depressione, allo stress ed all’ansia della giornata, che si accumulano fino a sfociare in questo modo.

Se però non pensate di essere delle persone particolarmente stressate (buon per voi) la ragione andrà ricercata altrove. Un’altra possibile causa dei risvegli notturni risiede ad esempio sulla nostra tavola. Assumere sostanze eccitanti (ad esempio tè, caffè, cioccolato, alcolici, ...) prima di andare a dormire, vi assicurerà infatti una notte "turbolenta", e lo stesso vale per la malsana abitudine di giocare con pc, tablet e smartphone quando si è a letto. Eliminate queste brutte abitudini, e vedrete che non sarete più afflitti dal problema dei risvegli durante la notte.

risvegli notturni negli adulti

Fra le altre possibili cause del disturbo si segnalano anche le cosiddette “apnee notturne”, un problema del quale potreste soffrire senza che ve ne rendiate conto. O ancora, l’assunzione di determinati farmaci, l’esecuzione di esercizio fisico ad un’ora troppo vicina a quella in cui dovreste andare a dormire, e i problemi di pressione, potrebbero rovinare il vostro sonno.

Detto ciò, per risolvere il problema – come già detto – è necessario scoprirne la causa. Per iniziare però, potreste seguire alcune semplici regole di igiene del sonno, come quella di non andare a dormire troppo tardi, non assumere sostanze eccitanti prima di andare a letto, non dormire con televisione o lampadine accese, cercare di limitare il più possibile le luci e i rumori nella stanza, bere delle tisane rilassanti prima di andare a dormire ed evitare di svolgere attività che stimolano troppo la mente durante la serata.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail