Il trattamento bSBS per i capelli: come funziona e quali sono i benefici

Il trattamento bSBS è un metodo non invasivo che stimolando il bulbo pilifero riesce a bloccare calvizie e diradamento precoce dei capelli. Vediamo in cosa consiste

La caduta dei capelli, con conseguente diradamento e successiva calvizie, è un problema diffuso, che crea disagio, sia negli uomini che nelle donne. Se, infatti, è vero che è soprattutto il sesso maschile ad essere più colpito da questo disturbo antiestetico, le donne non possono però definirsi immuni.

Il diradamento è spesso provocato dall’alopecia, una malattia causata in parte da disfunzioni endocrine, e in parte da fattori ambientali e dallo stress, e nelle donne anche dalla gravidanza e dall'allattamento.

Trattamento-bSBS

Una delle cure di ultima generazione per bloccare il processo di caduta e diradamento dei capelli, si chiama protocollo non chirurgico bSBS (Advanced Regenerative Medicine Protocol and Genomic Analysis). Di che si tratta? In pratica della rigenerazione cellulare dei bulbi piliferi “dormienti” (che quindi rischiano l’atrofia) ottenuta tramite biostimolazione con cellule staminali ricavate dal sangue del paziente stesso, in modo non invasivo, non doloroso, e soprattutto privo di effetti collaterali.

Introdotto in Italia (dagli USA) in esclusiva dal Gruppo Locorotondo che si appoggia alla HairClinic, questo protocollo prevede un'unica seduta, al termine della quale il paziente potrà riprendere la sua vita normale. Nella seduta, della durata di circa 2 ore e mezza, si prelevano dal sangue del paziente le sue cellule staminali (in particolare CD34 e piastrine giovani), eventualmente associabili ad altre cellule ricavate dal tessuto adiposo, che, dopo essere state “trattate” da apposite apparecchiature tecnologiche che ne mantengono inalterata la vitalità, vengono iniettate nelle zone di cuoio capelluto che lo necessitano.

A questo punto il paziente può tornare a casa e in genere i primi risultati del trattamento, in termini di ricrescita dei capelli nelle aree soggette a diradamento, si osservano dopo qualche mese. Quelli che ricrescono, perciò, sono capelli "veri", uguali agli altri, con la stessa vitalità e consistenza. Un trattamento miracoloso? Ebbene, dipende. Non tutti i pazienti rispondono alla terapia bSBS con staminali allo stesso modo, inoltre si tratta, naturalmente, di un intervento costoso.

Inoltre, per prepararsi al trattamento di biostimolazione bulbare sinergica ci si deve sottoporre ad analisi genomica con test del DNA e genetista associato analisi Lipidomica (Profilo Lipidomico della membrana cellulare) e ai test ormonali, per capire qual è la causa del proprio diradamento, mentre dopo seduta sono previsti ulteriori terapie rivascolarizzanti e antinfiammatorie che fanno ulteriormente lievitare i costi.

La HairClinic dove si può effettuare il trattamento bSBS, però, prevde la formula "soddisfatti o riaccreditati", il che dovrebbe fornire della garanzie di serietà. Ergo, non vi resta che provare... Se siete fortunati e la vostra cute risponderà al meglio alla stimolazione bulbare, allora ne sarà sicuramente valsa la pena.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail