La dieta vegana può far male alla salute? I rischi

Gli effetti collaterali e i pericoli di una dieta vegana sbilanciata nei suoi nutrienti fondamentali.

Quando si parla si alimentazione vegetariana o vegana ci si fa impressionare molto facilmente dai numerosissimi e iperbolici scritti di cui è piena la rete in merito a carenze, rischi, problemi di salute legati alla dieta priva di proteine animali (o con consumo limitato di tali proteine). Non è difficile imbattersi in tutto e il contrario di tutto: come sempre è la scienza a venire in aiuto, lasciando da parte ciarlatani e chiacchieroni, ed è soprattutto il buonsenso, oltre ad una conoscenza quantomeno approfondita di ciò che mangiamo, a farci optare per quella che è la migliore alimentazione in assoluto.

INDIA-ENVIRONMENT-PROTEST-PETA

Ma quindi la dieta vegana può far male alla salute? Quali sono i rischi concreti che l'organismo corre di fronte alla scelta dell'alimentazione vegana?

Va innanzitutto chiarito che qualunque tipologia di dieta non equilibrata nei suoi nutrienti fondamentali (proteine, carboidrati, grassi, vitamine) può provocare danni e scompensi alle funzionalità degli organi del corpo umano: la dieta vegana equilibrata è quella che rispetta l'apporto consigliato di nutrienti necessari ad ogni pasto, e un pasto corretto in tutti i suoi elementi può essere mangiato soltanto informandosi approfonditamente sui cibi.

Tra i rischi più frequenti di una dieta vegana sbagliata ci sono le carenze di proteine, di ferro, di zinco e selenio, oppure di calcio: se avvertite qualche mal di testa di troppo o siete perennemente vittime di stanchezza, vi sentite affaticati e avete un colorito poco sano, è probabile che stiate sbagliando qualcosa nella vostra dieta vegana. È bene fare un controllo approfondito su cosa stiate mangiando maggiormente ed, eventualmente, correre ai ripari, facendosi anche aiutare da un medico.

Tra le carenze più dibattute che dividono i pro e i contro sulla dieta vegana c'è quella che riguarda la vitamina B12, detta "la vitamina dell'energia", che tendenzialmente si trova in proteine di origine animale e non vegetale: la si trova però anche in alcune tipologie di alghe, che è bene inserire nella propria dieta vegana. In caso, consultate il medico per vedere se è il caso di farvi prescrivere un integratore di vitamina B12 in grado di scongiurare questo pericolo: una prolungata carenza di vitamina B12 associata ad una carenza di folati, direttamente legati, può infatti esporre ad un rischio maggiore di sviluppare anemia megaloblastica, perché assieme controllano i livelli di omocisteina. Un alto numero di folati e un basso livello di B12 può invece portare a danni per il sistema nervoso.

Via | Albanesi

  • shares
  • Mail