Le malattie note come connettiviti e le possibili cure

Le connettiviti sono un gruppo di malattie autoimmuni che colpiscono i tessuti connettivi: si tratta di malattie reumatiche che provocano un'infiammazione cronica del tessuto connettivo.

Le connettiviti sono delle malattie reumatiche autoimmuni, delle infiammazioni croniche che colpiscono il tessuto connettivo, anche se il gruppo comprende anche patologie a carico di altri tessuti, come avviene per la polimiosite/dermatomiosite, che colpisce il tessuto muscolare, o per la sindrome di Sjogren primitiva, che colpisce invece il tessuto epiteliale. La connettivite può essere mista, quando la malattia propone sintomi che appartengono a malattie diverse, e indifferenziata, quando i sintomi non sono sufficienti da poter classificare il tipo di connettivite.

La connettivite mista comprende patologie come il Lupus Eritematoso Sistemico, la sclerodermia, l'artrite reumatoide, la polimiosite e colpisce solitamente tra i 20 e i 30 anni di età, con un'incidenza maggiore tra le donne. I primi sintomi possono essere fenomeno di Raynaud, rash cutanei, poliartriti, edema a dita e mani. Man mano che la malattia progredisce compaiono i sintomi delle malattie che fanno parte di questa categoria.

La diagnosi delle connettiviti miste non è mai molto semplice, ma quando viene effettuata dal medico curante le terapie che si possono mettere in atto sono quelle utilizzate solitamente per trattare le patologie che hanno colpito il paziente: la sopravvivenza dopo 10 anni dalla scoperta della malattia è intorno all'80 per cento.

Per quello che riguarda, invece, la connettivite differenziata, altrimenti definita come lupus latente, lupus incompleto o sindrome connettivitica indifferenziata, i sintomi più individuati sono fenomeno di Raynaud, artrite, pleurite, pericardite, rash cutanei, aftosi orale, febbre, vasculite, miosite, neuropatia periferica. Questo tipo di connettivite può regredire, rimanere in stato latente o evolvere in una forma di connettivite definita.

In questo caso la terapia viene effettuata solitamente con farmaci antinfiammatori non steroidei o farmaci corticosteroidi in caso di presenza di sinovite, vasculite o sierosite.

connettiviti

Foto | da _chang_

Via | Albanesi

  • shares
  • Mail