Insonnia, come sconfiggerla grazie all'omeopatia

L'insonnia è un problema diffuso, per sconfiggerlo, però, non è consigliabile far ricorso ai sonniferi. E se provaste con l'omeopatia? Ecco i rimedi giusti

Chi soffre di insonnia ricorrente sa bene quanto sia esasperante questo disturbo del sonno, e come si possa arrivare a provare qualunque tipo di farmaco pur di riuscire a garantirsi una notte di riposo.

Non dormire, infatti, o dormire male in modo scomposto, interrotto e insufficiente, alla lunga può ripercuotersi in modo serio sulla salute generale, alternando il metabolismo e affaticando la mente, che comincia a “perdere colpi”.
Portrait of woman in bed sleeping

Cali di memoria, difficoltà di contrazione, stanchezza fisica, irritabilità e tendenza ad ingrassare sono solo alcune delle conseguenze di lunghi periodi di insonnia. Anche il cuore finisce per risentirne. E allora, che fare? Intanto, l’ideale sarebbe riuscire a scoprire le cause del problema, inserito all’interno dei disturbi primari del sonno o dissonnie (proprio come l’ipersonnia, la narcolessia e le alterazioni dei ritmi circadiani) e poi agire su quelle.

Nella maggior parte dei casi l’insonnia è generate da condizioni di stress. Troppo lavoro, problemi personali e familiari, ansia, preparazione di esami eccetera, possono favorire i disturbi del sonno, così come problemi fisici che si manifestino nella notte (come il reflusso gastroesofageo), e della sfera emotiva come la depressione.

Se il problema è solo occasionale, non è il caso di fare nulla se non cercare di creare in modo naturale le condizioni migliori a favorire il sonno, come l’andare a letto sempre alla stessa ora e mai troppo tardi, spegnere e occultare ogni fonte di luce (artificiale e non), spegnere tutti i dispositivi elettrici ed elettromagnetici, inclusi smarphone e computer, mangiare leggero a cena e consumare una tisana rilassante mezzora prima di andare a letto.

Se questi semplici accorgimenti non dovessero bastare, ma non si volesse (saggiamente), fare subito ricorso ai farmaci sonniferi che peraltro, alla lunga sono del tutto controproducenti e pericolosi, c’è sempre un’altra soluzione del tutto naturale: l’omeopatia. Quali sono i rimedi omeopatici giusti per combattere l’insonnia? Ecco qualche consiglio utile.


  • Insonnia da stress con irritabilità e continui risvegli durante la notte: Nux vomica alla 9 CH da assumersi nella dose di 5 granuli sublinguali un’ora prima di andare a letto


  • Insonnia da agitazione e iperattività mentale (anche in caso di stress positivo ed eccesso di adrenalina che mantiene svegli): Coffea cruda alla 9 CH nella dose di 5 granuli un’ora prima di andare a letto
  • Insonnia da stress emozionale e shock emotivo (separazioni, traumi di varia natura, lutti eccetera): 5 granuli di Ingnatia amara alla 9 CH un’ora prima di andare a dormire
  • Insonnia da stress da superlavoro: Arnica montana alla 9 CH, 5 granuli un’ora prima di andare a dormire


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Fonte| Riza.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: