Chirurgia estetica, cos'è la mastopessi e quando è indicato il lifting del seno

Permette di risollevare un seno cadente senza doverne necessariamente aumentare il volume. Ecco in cosa consiste e quanto costa

La mastoplastica additiva non è l'unica soluzione a disposizione delle donne che non sono soddisfatte del loro seno. Oggi la chirurgia estetica offre anche un'altra opportunità: la mastopessi. Di cosa si tratta esattamente?

A spiegarlo è Francesco Alia, specialista in chirurgia plastica Aicpe (Associazione italiana di chirurgia plastica estetica) e Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica).

E' un vero e proprio "lifting del seno", in quanto si va a risollevare i volumi, eliminando la pelle in eccesso e portando così a valorizzare il proprio profilo. E il risultato è del tutto naturale sotto il profilo estetico. Si tratta di un intervento risolutivo, in alcuni casi anche senza dover ricorrere all'utilizzo di protesi.

20140624-185925-68365459.jpg

Quella del lifting del seno è una tendenza tipicamente americana. Secondo i dati dell'American Society for Aesthetic Plastic Surgeons la richiesta di questo tipo di intervento sta crescendo ad un ritmo doppio rispetto a quella degli impianti chirurgici tradizionali, aumentando del 70% negli ultimi 10 anni. La loro popolarità è elevata anche in Italia, dove i dati dell'Aicpe parlano di oltre 10 mila interventi nel 2013.

Le motivazioni che potrebbero spingere a una mastopessi sono diverse fra loro e possono riguardare donne di qualsiasi età alle prese con un seno dall'aspetto cadente o vuoto a causa di un forte dimagrimento, delle gravidanze, dell'allattamento o, più semplicemente, del passare degli anni, quando la pelle tende a cedere naturalmente.

Di solito le pazienti lamentano un seno che non si riconoscono più e che è causa d'insicurezza

racconta Alia, che assicura:

anche non utilizzando protesi, è possibile restituire volume, cambiando la proiezione e rendendolo più sodo.

Per quanto riguarda, invece, le cicatrici, l'esperto spiega che

a seconda della situazione di partenza, l'approccio chirurgico può essere differente: in ogni caso, le incisioni sono minime e lasciano un segno che con il tempo sono destinati ad affievolirsi fino quasi a sparire.

Il costo dell'intervento parte da circa 5.000 euro. Vale sempre davvero la pena di spenderli? Alia consiglia due pratici trucchi per capire se il cedimento è tale da richiedere un intervento e quali sono i risultati ottenibili.

Una prova che si può fare è di infilare una matita tra il torace e il seno: se la matita non cade, siamo di fronte a un seno rilassato

suggerisce il chirurgo.

Un altro test è guardarsi allo specchio, con il torace scoperto, e sollevare le braccia: in questo modo si simula l'effetto della mastopessi, ossia del risollevamento dei tessuti, e si capisce l'entità del problema. Se non si tratta di un cedimento molto accentuato, si può capire in questo modo quale sarà il risultato.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail