Il bagno di vapore vaginale: cos'è, i benefici e le controindicazioni

Alcune donne lo utilizzano per depurarsi, altre per risolvere i problemi di fertilità. Ma in cosa consiste questo trattamento proveniente dall'Oriente? Ed è davvero efficace?

Arriva dalla corea, dove viene chiamato chai-yok e per molte donne rappresenta quasi un rito da eseguire dopo ogni ciclo mestruale. Negli Stati Uniti è sbarcato come V-Steam e sembra destinato a spopolare come trattamento per ridurre lo stress, combattere le infezioni, regolarizzare il ciclo e combattere i problemi di fertilità. Ma cos'è, esattamente, il bagno di vapore vaginale?

In realtà non dovrebbe trattarsi d'altro che di un trattamento detossificante, ma la sua effettiva capacità di eliminare le tossine è ancora tutta da dimostrare, così come l'utilità di un trattamento di questo tipo. Il suo funzionamento è semplice e prevede l'uso di acqua bollente all'interno della quale vengono poste in infusione diverse erbe terapeutiche, fra cui basilico, calendula, origano, rosmarino e, soprattutto, artemisia e assenzio. Lasciato evaporare proprio sulle parti intime per un periodo variabile tra i 20 e i 45 minuti, questo infuso misto promuoverebbe la dilatazione dei vasi sanguigni e, allo stesso tempo, la circolazione del sangue, l'apporto di ossigeno e il rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico.

bagno vapore vaginale

In realtà non c'è nessuna prova dell'efficacia di questo trattamento. Il crescente aumento della sua popolarità anche in Occidente si basa soprattutto sui racconti di chi l'ha provato. C'è, addirittura, chi sostiene di essere riuscita a concepire proprio grazie ai bagni di vapore vaginale. Alcuni ginecologi si mostrano però un po' scettici riguardo alla sua utilità e pur ammettendo che i principi attivi delle erbe presenti nel vapore potrebbero avere un effetto almeno parzialmente rilassante e agire superficialmente, a livello di pelle e mucose, così come farebbero i vapori di una sauna non sembrano intravedere nessuna possibile azione significativa in termini di fertilità o di ciclo mestruale.

Per quanto riguarda, poi, la presunta efficacia detossificante gli esperti ricordano che la vagina è un organo in grado di provvedere da sé alla sua salute grazie alla flora batterica vaginale e che anche in caso di infezioni la soluzione migliore su cui fare affidamento per ristabilire l'equilibrio sono i batteri amici della salute vaginale. In altre parole, i probiotici.

Nonostante tutte queste obiezioni, un punto a favore dei bagni di vapore c'è: nessuno, fino ad oggi, sembra averli accusati di essere pericolosi o di avere controindicazioni. Se non altro, potrebbero avere almeno un effetto rilassante paragonabile a quello di una bella doccia calda.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Medical Daily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail