A cosa serve la Pet, in cosa consiste l'esame e le controindicazioni

Cosa è la PET, a cosa serve e quali sono le sue controindicazioni?

Con l’acronimo PET si indica l’esame di Tomografia a Emissione di Positroni (Positron Emission Tomography), ovvero un esame diagnostico di medicina nucleare impiegato per rilevare la presenza di un eventuale tumore e valutarne la localizzazione e dimensione. Tale esame viene eseguito mediante la somministrazione di radiofarmaci, ovvero farmaci che contengono una piccola quantità di sostanza radioattiva e caratterizzati dall’emissione di particolari particelle note con il nome di positroni. La Tomografia a Emissione di Positroni è una tecnica diagnostica sostanzialmente indolore, fatta eccezione per il fastidio della puntura dell’ago con cui verrà somministrato il farmaco.

Dopo che quest'ultimo verrà somministrato, si distribuirà nel corpo del paziente in modo da permettere di ottenere delle immagini che poi i medici specialisti dovranno interpretare. L’esame non è pericoloso, poiché la quantità di radioattività che viene iniettata per via endovenosa nel paziente è minima, e viene generalmente smaltita nell’arco di poche ore.

Dopo che viene somministrato il farmaco, il paziente dovrà attendere da una ventina di minuti a un’ora prima che l’esame abbia effettivamente inizio. A quel punto, il soggetto sarà invitato a sdraiarsi sul letto del tomografo PET/TC, ovvero la macchina mediante la quale si registrano le radiazioni emesse dal paziente.

ografia a Emissione di Positroni

La durata complessiva dell’esame, dal momento in cui avviene la somministrazione del farmaco, fino alla fine della registrazione delle radiazioni, sarà di circa due o tre ore.

L’esame è controindicato per le donne in gravidanza e per quelle in fase di allattamento. In caso di pazienti che soffrono di diabete conclamato o che sono in terapia antiglicemica, sarà necessario informare il medico. Durante le prime ore che seguono l’esame sarà inoltre consigliabile evitare di avere contatti con donne in dolce attesa e con i bambini.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Humanitas.it, Airc

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail