Creme solari per bambini, Altroconsumo chiede il ritiro di due famosi prodotti

Creme solari per bambini, Altroconsumo chiede il ritiro di due famosi prodotti

Su 16 prodotti analizzati da Altroconsumo, due hanno un indice di protezione inferiore a quello indicato sull’etichetta.

Proteggere la pelle dal sole è importante, soprattutto quella delicata dei bambini. Altroconsumo ha sottoposto ad un test 16 creme solari per bambini con protezione 50. Gli esami – in generale – hanno dato degli esiti positivi, ma in due casi lo schermo sponsorizzato sulla confezione non corrispondeva all’efficacia reale. Arrivavano a malapena a 21.

“Fanno eccezione due prodotti, che sono stati bocciati e che abbiamo provveduto a segnalare al Ministero della Salute e di cui abbiamo richiesto il ritiro dal mercato, parliamo di Rilastil Baby transparent spray wet skin e di Isdin Transparent spray wet skin”.

Si legge nell’articolo.

“Tra i fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori cutanei in età adulta c’è proprio l’intensa esposizione al sole in età infantile, con scottature ed eritemi. […] Per questo motivo è importante applicare sulla pelle dei bambini una crema ad alta (Spf 50) o altissima protezione (Spf 50+) quando giocano sotto il sole e limitare l’esposizione diretta dalle 11 alle 16, nelle ore in cui i raggi Uv sono più forti”.

Rilastil sostiene che i propri test confermano il livello di protezione 50+ dichiarato in etichetta.

A riprova della protezione solare dichiarata, SPF 50+ e indice UVA-PF maggiore di 20, per il prodotto Rilastil Sun System Transparent Baby Spray SPF 50+, Rilastil ha eseguito i seguenti test che, per totale trasparenza, ha subito fornito ad Altroconsumo:
un test realizzato tra luglio e agosto 2017 con risultato che il Prodotto ha UVA-PF 24,28;
un test realizzato tra luglio e agosto 2017 con risultato che il Prodotto ha SPF UVB 60,4;
un test realizzato tra aprile e maggio 2019 con risultato che il Prodotto ha UVA-PF 27,49;
un test realizzato tra aprile e maggio 2019 con risultato che il Prodotto ha SPF UVB 60,3;
un test realizzato a luglio 2019 con risultato che il Prodotto ha UVA-PF 24,38.

Inoltre, in una nota informativa inviata da Rilastil si sostiene:

Altroconsumo non ha contestato la metodica dei test forniti da Rilastil, ma ha ugualmente pubblicato i risultati dei propri test, che Rilastil non ha potuto visionare per verificarne la metodologia e la coerenza rispetto alle norme ISO internazionali riconosciute.

A conferma dei risultati dimostrati dai test forniti da Rilastil, l’Azienda aggiunge che dall’uscita in commercio di questa formula nel 2017 non ha ricevuto ad oggi alcuna segnalazione relativa a scottature solari incorse con l’utilizzo di questo prodotto.

A garanzia della salute dei consumatori e in coerenza con un operato sempre trasparente, Rilastil rende disponibili ai farmacisti e ai medici specialisti i test che certificano l’efficacia fotoprotettiva del prodotto Rilastil Sun System Transparent Baby Spray SPF 50+.

Isdin ha dichiarato che il campione analizzato due mesi fa era in vendita in Spagna e non in Italia. E ha aggiunto:

“il Prodotto ha un SPF 50+ d’accordo con la norma ISO 24444:2010 e che secondo una serie di studi, la crema in questione ha un UVA-PF superiore a 20 d’accordo con la norma ISO 24444:2010. Il consumatore può essere sicuro che le affermazioni e indicazioni che compaiono sul packaging del prodotto sono supportate da Studi Indipendenti effettuati da enti e organizzazioni di certificazione di primo livello”

Via | Altroconsumo

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Cool Down | Rebecca Louise