Acqua, un elisir di salute da filtrare in caraffa

L'acqua in bottiglia non è una scelta obbligata, anzi. Bere l'acqua del rubinetto può essere più economico e oltretutto sicuro, anche grazie all'uso di caraffe filtranti come Marella di BRITA

Caraffa filtrante Marella di BRITA

Quando si parla di alimentazione sana, scegliere gli alimenti giusti non è l'unico aspetto importante. Alla base della piramide alimentare per mantenere uno stile di vita salutare, c'è un altro importante elemento: l'acqua. E per stare bene è fondamentale bere molto; gli esperti, infatti, raccomandano di non scendere mai al di sotto dei 6-8 bicchieri di acqua al giorno e in alcune circostanze "esagerare" non è solo lecito, ma addirittura consigliabile.

Qualche esempio? Quello dei bambini e degli anziani, particolarmente esposti al rischio di disidratazione, ma anche quello delle donne che allattano. Tutti poi rischiamo di perdere troppa acqua quando sudiamo molto, nei casi specifici quando pratichiamo attività fisica o quando fa molto caldo.

In tutte queste circostanze la disidratazione colpisce l'organismo a diversi livelli. Le cellule perdono sia un loro costituente fondamentale (ricordiamo che siamo formati per il 60% circa da acqua!), sia una molecola indispensabile diverse funzioni: per digerire, per aiutare l'organismo ad eliminare le scorie, per regolare la temperatura corporea, per lubrificare le articolazioni e per donare elasticità a e mucose.

Per tutti questi motivi è importante ricordarsi di bere spesso, anche quando non si ha sete. La scelta migliore è proprio l'acqua, che non è sostituibile con altre bevande. Queste ultime spesso contengono zuccheri, dolcificanti o altre sostanze (ad esempio la caffeina) che non contribuiscono a idratare l'organismo, ma esercitano altri effetti indesiderati, come l’aumento dell'apporto calorico della dieta quotidiana.

Caraffa filtrante Marella di BRITA

Per quanto riguarda l'acqua da scegliere, molti esperti concordano sul fatto che non sia necessario affidarsi necessariamente alle acque oligominerali imbottigliate. L'acqua del rubinetto è oggi una preziosa risorsa a portata di mano di tutti direttamente nelle proprie case. E, stando ai sondaggi sul tema, anche molto amata.

La ricerca CRA Nielsen 2012 per Aqua Italia ha svelato che dal 2006 al 2012 la propensione al consumo di acqua del rubinetto è passata dal 70,4 all'80,3%. I motivi? Il minor costo (26,1%), la comodità (25,9%) e l'attenzione all'ambiente (19,7%) rispetto a quella in bottiglia. In molti casi l'acqua non viene però bevuta così come sgorga dal rubinetto e il 23,4% degli italiani possiede almeno un dispositivo di trattamento dell'acqua nella propria abitazione, prime fra tutte le caraffe filtranti, scelte nel 12,6% dei casi.

Rispetto agli altri sistemi di affinaggio dell'acqua, le caraffe filtranti non richiedono una manutenzione periodica da parte di personale tecnico specializzato. I loro filtri possono però essere estremamente efficaci. Un esempio? La caraffa filtrante Marella di BRITA, scelta da 250 milioni di persone nel mondo, riesce ad eliminare sostanze come cloro, calcare e metalli (piombo, rame, etc.) eventualmente presenti nell'acqua del rubinetto.

La tecnologia MAXTRA del suo filtro trasforma l'acqua che sgorga direttamente dai rubinetti di casa riducendo le sostanze che compromettono odore e gusto e aiuta a prolungare la vita degli elettrodomestici prevenendo la formazione di calcare; la prestazione ottimale si può ottenere semplicemente sostituendo il filtro quando segnalato dal dispositivo Memo BRITA, l'indicatore elettronico di sostituzione del filtro.

L'acqua filtrata BRITA aiuta a mantenersi freschi e idratati ed è ideale anche per preparare tè, caffè e pietanze. Oltre che sull’efficacia, BRITA punta anche sull’estetica, offrendo nuove colorazioni alla moda che si adattano al suo stile. Il suo design, con il coperchio ad apertura manuale, la rende pratica e facile da usare e permette di gustare l'acqua filtrata tanto preziosa per la salute.

Scopri il mondo di Marella di BRITA

Iniziativa realizzata in collaborazione con BRITA



  • shares
  • Mail