Giornata Mondiale contro il Tabacco: ecco perché smettere di fumare (o non iniziare mai)

Il fumo è la causa di morte evitabile più diffusa al mondo, eppure i consumatori di tabacco sono ancora molti. Ecco perché bisognerebbe smettere

Il fumo di tabacco è un acerrimo nemico della salute. I fumatori se lo vedono ricordare tutti i giorni dalle scritte allarmanti che campeggiano sui pacchetti di sigarette, ma oggi, 31 maggio, nessuno, fumatore o no, può dimenticarlo. Si celebra infatti proprio oggi la Giornata Mondiale contro il Tabacco indetta dall'Organizzazione mondiale della sanità, che come ogni anno riporta l'attenzione sui danni associati al fumi e sull'importanza di non fumare.

Il fumo di tabacco è infatti una delle cause principali di molte malattie, dal cancro all'infarto, passando per i danni ai tessuti della bocca, ai denti e alle gengive. In molte realtà industrializzate può addirittura essere considerato la causa di morte evitabile più diffusa. Le stime parlano di 7 decessi ogni minuto a causa del fumo, 1 ogni 9 secondi, per un totale di 3,5 milioni di morti all'anno che sarebbero dovute al consumo di tabacco.

In Italia la situazione non è diversa da quella del resto del mondo occidentale: il fumo attivo è la principale causa prevedibile di malattia e decesso e si stima che il fumo di tabacco mieta circa 90 mila vittime all'anno, di cui oltre il 25% nella fascia d'età compresa tra i 35 e i 65 anni.

Fumare, spiega Silvia Novello, pneumo-oncologa dell'AOU San Luigi di Orbassano (Torino) e presidente di WALCE (Women Against Lung Cancer in Europe) Onlus, è

un vizio dalle conseguenze drammatiche non solo sul livello generale di benessere e qualità di vita dei fumatori, ma anche sui numeri del cancro considerato che il fumo di sigaretta è tuttora responsabile dell’85% dei tumori polmonari.

I problemi non finiscono però qui. Le oltre 4 mila sostanze nocive presenti nel tabacco danneggiano la pelle, compromettendone elasticità e colorito. La pelle dei fumatori diventa grigiastra, le guance cadenti e le compaiono precocemente rughe agli angoli di bocca e occhi. Per di più il loro alito diventa sgradevole, sui loro denti compaiono macchie giallognole e placca e tartaro si accumulano più facilmente. Le gengive hanno a che fare con una riduzione di ossigeno che facilita la sopravvivenza di batteri molto aggressivi responsabili della piorrea.

Un problema "particolarmente" italiano

giornata mondiale contro il tabacco

Nonostante questi dati, e nonostante non manchino le campagne di informazione e comunicazione sui danni del fumo, i fumatori sono ancora molti e sembrano destinati ad aumentare, passando dall'attuale miliardo di individui agli 1,6 miliardi previsti per il 2025. Per quanto riguarda il Bel Paese secondo i dati di una ricerca condotta dal sito di incontri eDarling i single italiani sono in cima alla lista europea per il consumo di tabacco, indipendentemente dal sesso. A fumare con infatti il 31% delle donne e il 35% degli uomini. Il 41% dei single desidererebbe addirittura trovare un partner fumatore, mentre solo il 21% dei non fumatori accetterebbe un compagno che fumi.

Per di più le percentuali di fumatori giovanissimi aumentano sempre di più. In Italia la quota di ragazzi che inizia a fumare prima dei 15 anni si attesta al 18% e i ragazzi tra i 15 e i 17 anni che fumano sono il 38%.

Per tutti questi motivi anche in questa edizione della Giornata Mondiale senza Tabacco non mancheranno le iniziative per la lotta contro il fumo.

Le iniziative della Gionata Mondiale contro il Tabacco

smettere fumare

La fondazione ANDI (Associazione nazionale dentisti italiani) onlus, in collaborazione con Fondazione Veronesi e Fondazione ISI, rilancia ad esempio No smoking be happy - Per il tuo sorriso, la campagna di sensibilizzazione e prevenzione rivolta dentisti e operatori del settore dentale sulle patologie non oncologiche di pertinenza dento-facciale e odontostomatologica associate al fumo di tabacco. ANDI ricorda che il dentista può svolgere un importante ruolo nell’aumento della consapevolezza dei rischi del tabacco per la salute orale e nella sensibilizzazione all'adozione di stili di vita che aiutino a prevenire le malattie associate al fumo.

WALCE rilancia invece il suo video tutorial Smetti di fumare (che potete trovare in apertura di questo post), un video motivazionale che ricorda i tanti buoni motivi per non fumare più e i modi per riuscire a farlo.

A Roma, invece, l’Agenzia Nazionale per la Prevenzione ed AgEtica, con le associazioni dei pazienti delle malattie respiratorie (Pazienti BPCO e Federasma), hanno organizzato a Piazza San Silvestro una Festa del respiro completamente dedicata alle donne con conferenze, presentazioni di libri e stand in cui i medici del Policlinico Gemelli effettueranno gratuitamente una spirometria e quelli del Centro Antifumo dell’Ospedale San Filippo Neri dispenseranno consigli per spegnere l’ultima sigaretta. Inoltre maestri di yoga daranno consigli e insegneranno tecniche per la corretta respirazione.

La campagna di informazione e divulgazione, battezzata Polmone Rosa, animerà la piazza fino alle 18:00 e vedrà non solo la presenza di medici, ma anche di donne dello spettacolo e del giornalismo, le Ambasciatrici del Respiro Rosanna Lambertucci, Silvia Ceccon (Miss Universo) Valeria Altobelli (Miss Mondo), Daniela Miniucchi (giornalista Rai), Francesca Capua (autrice televisiva) e Eleonora Brigliadori.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail