Cosa sono le endotossine e quali rischi comportano per la salute

Cosa sono le endotossine, e quali rischi comportano per la salute?

Con il termine “endotossine” si indicano delle sostanze di natura lipo-polisaccaridica termoresistenti, delle molecole che si sviluppano all'interno di agenti patogeni quali i batteri, in particolar modo in quelli gram-negativi (salmonelle, brucelle, shigelle, vibrione del colera). Nello specifico, si tratta di un derivato della parete cellulare esterna di questi batteri. Da un punto di vista chimico, le endotossine batteriche sono per l’esattezza dei lipopolisaccaridi, ovvero delle molecole di grassi legate a delle molecole di zuccheri.

Non si tratta di composti extracellulari prodotti dai batteri (come nel caso delle esotossine, anch'esse sostanze tossiche di derivazione batterica), bensì di composti interni alla membrana di questi, che esercitano dunque un’azione tossica in seguito alla disgregazione della cellula.

Una volta che i batteri muoiono quindi, le endotossine vengono rilasciate, causando dei problemi di salute a persone e ad animali. Tali sostanze rappresentano le principali responsabili delle conseguenze collegate ad alcune infezioni, provocate a loro volta dai batteri gram-negativi.

Cosa sono le endotossine

Fra i rischi collegati alla presenza di endotossine, si registrano ad esempio l'insorgenza di febbre, shock irreversibile, vomito, diarrea, lesioni dell'endotelio dei capillari sanguigni, leucopenia, manifestazioni emorragiche, difficoltà negli scambi fra sangue e tessuti e così via.

Come dicevamo, si tratta di tossine batteriche estremamente resistenti al calore ed agli agenti fisici, e per questa ragione non sono rare le contaminazioni. Come risultato, quando qualcuno consuma un prodotto contaminato da batteri che contengono endotossine, rischia di andare incontro a delle patologie – come abbiamo visto - anche molto gravi.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Vialattea.net, WiseGeek, Wikipedia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail