Spezie piccanti, paprika e peperoncino elisir di lunga vita?

Un nuovo studio svela che eliminare i sensori del dolore attivati dalla capsaicina allunga la vita e allontana i disturbi metabolici tipici dell'invecchiamento

Eliminare il dolore dalla propria vita potrebbe aiutare ad allungarla, o almeno sembra questo essere l'effetto con cui si avrebbe a che fare facendo a meno della sofferenza fisica. I ricercatori dell'Università della California di Berkeley hanno infatti scoperto che i topi che non possiedono un particolare sensore del dolore vivono più a lungo rispetto agli altri e hanno una minore probabilità di andare incontro alla comparsa di malattie tipiche della terza età come il diabete. La strada verso l'annullamento del dolore potrebbe però essere più semplice rispetto a quella intrapresa dagli autori di questo studio: l'effetto ottenibile eliminando il sensore in questione potrebbe infatti essere ottenuto anche grazie a una molecola presente nelle spezie piccanti, la capsaicina.

Vivere a lungo senza il dolore

Nella vita di tutti i giorni il dolore ha un ruolo molto importante. Per rendersene conto basta pensare a quanto è utile che l'entrata in contatto con un oggetto molto caldo scateni dolore: in questo modo si evitano ustioni pericolose per la saluta. Tuttavia durante l'invecchiamento il dolore può assumere connotati molto diversi. Chi soffre di condizioni associate a dolore cronico corre addirittura il rischio di morire prima degli altri.

E' proprio per studiare i motivi alla base di questo fenomeno che i ricercatori di Berkley hanno deciso di verificare cosa succedesse privando i topi del recettore TRPV1. Presente nella pelle, nei nervi e nelle articolazioni, questo sensore del dolore è noto perché può essere attivato dalla capsaicina, il composto che rende piccanti diverse spezie, ad esempio il peperoncino e la paprika. I risultati dei loro esperimenti, pubblicati sulla rivista Cell, hanno svelato che l'eliminazione di questo sensore allunga del 14% la vita dei topi, permettendo loro di mantenere giovane il proprio metabolismo anche in età più avanzata. Detto in termini pratici, i topi che non possono percepire il dolore vivono più a lungo e da anziani bruciano più calorie e utilizzano meglio lo zucchero nel sangue rispetto agli altri animali.

spezie allungano vita

Attualmente TRPV1 è già nel mirino di diverse aziende farmaceutiche alla ricerca di soluzioni per sconfiggere il dolore. I risultati di questa ricerca hanno però portato i suoi autori ad ipotizzare che questi sensore possa rappresentare anche il bersaglio di trattamenti contro il diabete e l'obesità. E dato che in passato è già stato dimostrato che nel caso dell'uomo un'alimentazione ricca di capsaicina è associata a una minore incidenza del diabete e di altri disturbi metabolici, le spezie che contengono questa molecola potrebbero anche svelare benefici inattesi in termini di aspettativa di vita.

In effetti l'esposizione prolungata alla capsaicina può uccidere i neuroni [che trasmettono il segnale di TRPV1, ndr]

spiega Andrew Dillin, responsabile dello studio.

Possibile che l'elisir di lunga vita sia del semplice peperoncino?

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Science

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail