Cos'è il binge drinking e quali sono i rischi per la salute

Sempre più spesso sentiamo parlare di binge drinking, ma di cosa si tratta esattamente? E quali sono i rischi per la salute?

E’ considerato un problema sociale molto grave, ed in effetti il binge drinking è davvero molto preoccupante. Se ne sente parlare sempre più spesso ormai, e ad esserne protagonisti sono i giovani e i giovanissimi, che iniziano a consumare bevande alcoliche sin dalla più giovane età (anche a partire dai 12 anni). Il binge drinking rappresenta la tendenza a bere ripetutamente diverse bevande alcoliche (generalmente cocktail, birra e vino), in breve tempo, e con un solo ed unico scopo, ovvero quello di ubriacarsi e perdere il controllo.

Ubriacandosi, il ragazzo crede infatti di poter affrontare determinate situazioni in maniera più “sciolta” e disinvolta, pensa di poter dimenticare i pensieri negativi e le preoccupazioni (che in realtà però, se non vengono affrontate e risolte, saranno sempre li ad attenderlo), e pensa di potersi divertire al 100% solo grazie all'alcool. Spesso chi beve diversi alcolici nell’arco di un breve lasso di tempo, lo fa senza sorseggiare ciò che sta bevendo, ma mandando “giù tutto d’un fiato”, arrecando così ulteriori danni alla propria salute.

binge drinking

Generalmente i binge drinker finiscono per ubriacarsi e stare male anche fisicamente (vomito, ...), ma nonostante ciò, tendono a ricadere presto nella trappola. Fra le conseguenze del binge drinking vanno segnalate sia quelle psicologiche che quelle fisiche. Il soggetto apparirà spesso confuso, stordito ed irritabile. Sarà inoltre maggiormente tendente a commettere reati ed a lungo andare, avrà problemi nella concentrazione e nel ricordare le cose.

Come dicevamo, il binge drinking comporta anche delle conseguenze fisiche, come ad esempio gli ovvi danni epatici, renali e cardiaci, alterazione dei ritmi circadiani, variazioni nella pressione sanguigna e così via. Se un vostro amico o parente è un binge drinker, sarà necessario intervenire, organizzando un incontro con uno psicoterapeuta, insieme al quale potrà trovare il modo migliore per farlo uscire da questo rischiosissimo circolo vizioso.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail