Potassio alto nel sangue: cosa mangiare?

Quando il potassio è troppo alto bisogna fare attenzione all'alimentazione. Ecco cosa evitare di mettere nel piatto

Il potassio è un elemento importante per mantenersi in salute. All'interno dell'organismo aiuta a controllare l'equilibrio elettrico del cuore, ma non solo. Questo minerale partecipa anche al metabolismo dei carboidrati e aiuta ad aumentare la massa muscolare.

Date queste sue importanti funzioni, carenze di potassio possono portare a debolezza muscolare e a disturbi del ritmo cardiaco. Tuttavia, anche un eccesso di potassio può essere pericoloso per l'organismo.

Ancora una volta a farne le spese può essere il cuore, che può avere a che fare con pericolose anomalie del ritmo. Non solo, in situazioni particolarmente gravi avere il potassio alto può portare a morte improvvisa. Cosa fare in queste situazioni?

Un aspetto importante cui prestare attenzione quando i livelli di potassio nel sangue sono troppo alti è l'alimentazione. Ecco cosa mangiare o, meglio, cosa non mangiare per evitare di correre dei rischi e tentare di ridurre i livelli di questo minerale.


  • Evitate i cibi confezionati sulla cui etichetta è indicata la presenza di potassio. A indicarla possono essere anche i simboli K, KCl o K+.
  • Non utilizzate i sostituiti del normale sale da cucina, che possono essere ricchi di potassio.
  • Evitate la carne e il pesce in scatola, quelli salati, quelli speziati e quelli affumicati.
  • Evitate i sostituti della carne a base di soia o di proteine vegetali.
  • Limitate il consumo della frutta ricca di potassio come le banane, gli agrumi e l'avocado.
  • Non mangiate le patate e le zucchine al forno e le zucche trombetta.
  • Evitate tutti i tipi di piselli e fagioli, naturalmente ricchi di potassio.
  • Non mangiate verdure o carni preparate con salse, dolci o salate che siano.
  • In generale, ammollate nell'acqua o bollite le verdure per ridurre il loro contenuto di potassio.

zucca potassio

Ecco, infine, una lista degli alimenti caratterizzati da livelli medi, alti o bassi di potassio.


    Frutta e verdura
    Alto contenuto di potassio. Arance, avocado, banane, broccoli, carciofi, cocco, frutta essiccata, kiwi, patata dolce, papaya, patate, pesca noce, prugne, pomodori, spinaci, verdure a foglia verde, zucca.
    Livelli medi di potassio. Albicocche, asparagi, carote, ciliege, mais, melanzane, mele, peperoni, pere, pesche, ravanelli, succo d'ananas
    Basso contenuto di potassio. Cavolfiore, cetrioli, fagiolini, fragole, lattuga, mirtilli, pompelmo, uva.

    Carne e altre proteine
    Alto contenuto di potassio. Fagioli e piselli secchi, bacon, frutta secca, derivati della soia.
    Livelli medi di potassio. Manzo, uova, pesce, pollame, maiale, vitello, burro di arachidi.

    Latticini
    Alto contenuto di potassio. Latte, yogurt.
    Basso contenuto di potassio. Panna acida.

    Cereali
    Alto contenuto di potassio. Pane bianco, avena, riso raffinato, pasta.
    Livelli medi di potassio. Crusca e cereali, chips di mais, pane integrale.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Harvard Medical School
Foto | da Flickr di richard_north

  • shares
  • Mail