Vacanze, dove la salute può essere in pericolo?

Vacanze, dove la salute può essere in pericolo?

E' il momento di cominciare a pensare dove trascorrere le vacanze. Le mete esotiche sono sempre più a portata di portafoglio, ma prima di prenotare è bene pensare ai rischi sanitari, da considerare non tanto per la loro frequenza, ma per la loro gravità. La meta “lontana” preferita dagli italiani è l'Egitto, con il 6% […]

E' il momento di cominciare a pensare dove trascorrere le vacanze. Le mete esotiche sono sempre più a portata di portafoglio, ma prima di prenotare è bene pensare ai rischi sanitari, da considerare non tanto per la loro frequenza, ma per la loro gravità.

La meta “lontana” preferita dagli italiani è l'Egitto, con il 6% di preferenze. Qui la probabilità di prendere la malaria è ormai abbastanza limitata, ma ultimamente è l'influenza aviaria a rappresentare un pericolo.

Hardware & gadget segnala un chip in grado di effettuare la scansione del corpo umano e riconoscere, in caso sia presente, il virus. Il dispositivo è in grado di riconoscere le varianti A e B, gli organismi resistenti agli antibiotici ed altre varianti mutanti dei virus.

Cattive notizie, invece, dal Brasile, dove è in corso un'epidemia di febbre Dengue, malattia potenzialmente fatale e per la quale non c'è vaccino, trasmessa dalla zanzara Aegis Aegyptis. Ne parla Il Professor €chos in questo post

La febbre Dengue è diffusa anche in Paraguay, dove c'è anche il pericolo di ammalarsi di febbre gialla, altra malattia trasmessa dalle zanzare. Sempre le zanzare trasportano dagli animali all'uomo il virus della febbre della Valle del Rift, presente in Kenya, per la quale non ci sono cure né vaccinazioni.

In India si registrano ancora casi di rabbia e di lebbra e c'è una ripresa di Dengue e Chikungunya, ma la strutture sanitarie sono generalmente di buon livello.

Alcuni piccoli stati africani, come il Ghana, il Gambia, il Gabon, sono relativamente sicuri: il vero problema è l'Hiv, che colpisce il 25% della popolazione africana ma dal quale non è difficile tutelarsi.

E la Cina, che tra cinque mesi ospiterà le prossime Olimpiadi? Le grandi città dovrebbero essere sicure, ma l'aria è molto inquinata: i rischi sono di tipo respiratorio e allergico.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog