Whatsapp fa male alla salute, scoperto il primo caso di whatsappite

Usare WhatsApp fa male alla salute? Pare proprio di si!

Avete mai sentito parlare di WhatsAppite? Sarebbe questa la malattia che potrebbe colpire le persone che usano troppo WhatsApp, ma in realtà la malattia non riguarda solo chi usa questo particolare servizio, ma anche tutti coloro che messaggiano continuamente con il proprio smartphone. Ma di cosa si tratta esattamente? Sembrerebbe tanto un pesce d’Aprile, ma in realtà le caratteristiche di una vera e propria malattia ci sono tutte: dolore alle articolazioni (specialmente ai polsi) e gonfiore in primis.

Come di certo potrete immaginare, “messaggiare” per ore ed ore con WhatsApp o con qualunque altro sistema di comunicazione di instant messaging, ci spinge ad assumere per diverso tempo posizioni della schiena, delle braccia e delle mani a dir poco innaturali, come quelle che assumiamo quando stiamo seduti di fronte al computer. Inoltre, scrivere per ore con il cellulare, potrebbe provocare un forte dolore ai polsi ed alle dita (specialmente ai pollici).

Questo sarebbe quanto accaduto ad una giovane donna incinta di 32 anni, che giunta alla sua 27esima settimana, avrebbe trascorso almeno 6 ore di fila a rispondere a messaggi su WhatsApp (usando un telefono da 130 grammi), per poi risvegliarsi, il giorno successivo, con un lancinante dolore ai polsi. Dopo aver analizzato la situazione ed aver escluso eventuali traumi o sintomi del tunnel carpale, la dottoressa Ines Fernandez Guerrero sarebbe giunta alla conclusione che si trattava di un’infiammazione dei tendini del pollice.

WhatsApp fa male

Insomma, la giovane paziente avrebbe in realtà sofferto di 'WhatsAppitis' (WhatsAppite), dal momento che tale infiammazione sarebbe stata determinata proprio dai troppi messaggi inviati durante la giornata su WhatsApp. La dottoressa avrebbe dunque prescritto alla paziente di assumere farmaci anti - infiammatori non steroidei e di non utilizzare il cellulare per i giorni successivi, finché la situazione non fosse tornata alla normalità. Naturalmente la ragazza, e come lei moltissime altre persone nel mondo, dovrà inoltre cercare di non esagerare con l’utilizzo del cellulare ed in particolare di WhatsApp!

Detto questo, quello appena descritto non è di certo il primo caso di problemi alla salute dovuti alle moderne tecnologie. In passato si era infatti parlato della cosiddetta “Nintendinite”, ovvero di una serie di disturbi provocati proprio dal celebre videogioco. Come avrebbe spiegato la stessa dottoressa, è importante che i medici tengano in considerazione questa nuova serie di malattie emergenti, per poter arrivare ad una corretta diagnosi.

via | Thelancet.com, Adnkronos.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail