Le cause della nefrite interstiziale, i sintomi e la terapia

Per nefrite interstiziale si intende un'infiammazione che coinvolge la parte di tessuto che si trova tra i glomeruli e i tubuli renali, vale a dire l'interstizio. Scopriamo insieme i sintomi e le possibili terapie.

La nefrite interstiziale è un particolare processo infiammatorio che può essere acuta o cronica e che coinvolge l'interstizio: il disturbo comporta anche l'insorgenza di insufficienza renale acuta, nel caso di nefrite interstiziale acuta. Le cause di questo disturbo possono essere infezioni batteriche, come la pielonefrite acuta, ma anche la somministrazione di farmaci che possono far insorgere il disturbo.

Altre cause possono essere la gotta, l'iperparatiroidismo primario, il mieloma, le leucemie, i linfomi, le amiloidosi, ma anche calcolosi, stenosi delle vie urinarie.

I sintomi della nefrite interstiziale possono essere diversi da pazienti a paziente e secondo la gravità della patologia. In genere il paziente soffre di deficit della funzione renale, con il mancato riassorbimento di alcune sostanze che vengono perse, ma anche la perdita della capacità di concentrare le urine. Il danno provoca solitamente l'insufficienza renale.

Quali sono le cure possibili per la nefrite interstiziale? Ovviamente non appena si scopre di soffrirne, bisogna eliminare o agire alla fonte del disturbo, eliminando così la causa o attuando un trattamento che possa far guarire il paziente dalla malattia che sta alla base. Se è provocata da particolari farmaci, sarà bene smettere di assumerli, previo consulto con il proprio medico curante.

Solamente in alcuni casi, se la funzione renale non migliora nel tempo, si deve intervenire con l'asportazione chirurgica del rene, che è necessaria se ormai il danno è irreversibile.

nefrite interstiziale

Foto | da Flickr di libertasacademica

Via | Albanesi

  • shares
  • Mail