Scoperta nuova malattia genetica: priva i bambini delle lacrime

Fondamentale il ruolo dei social network, che hanno permesso di identificare i piccoli pazienti affetti dal disturbo

I ricercatori dell'Università di Stanford hanno identificato una nuova malattia genetica caratterizzata dall'assenza della produzione di lacrime nei bambini che ne sono affetti. A permettere la scoperta, pubblicata sulla rivista Genetics in Medicine, è stata la combinazione tra le moderne tecniche di sequenziamento genetico e le informazioni disponibili sui social network, che hanno permesso agli scienziati di individuare bambini affetti da questa malattia.

Il primo caso è stato quello di una bambina di tre anni che oltre all'assenza di lacrime mostrava problemi nei movimenti, ritardo nello sviluppo e problemi al fegato. Infatti questa malattia, battezzata “carenza di NGLY1” provoca contemporaneamente disturbi neurologici, muscolari, oculari ed epatici. Alla sua base ci sono mutazioni nel gene codificante per la N-glicanasi 1, un enzima in grado di “riciclare” le molecole difettose che possono essere prodotte da una cellula. Normalmente presente in tutto l'organismo, questo enzima aiuta a degradare le proteine difettose in modo da poter riutilizzare il materiale con cui sono state costruite. In presenza delle mutazioni identificate l'enzima non viene prodotto e nel fegato dei bambini si accumula una sostanza amorfa che secondo i ricercatori potrebbe essere formata dalle proteine che non vengono degradate.

I dubbi da chiarire sono però ancora molti.

Non sappiamo in che modo la carenza di NGLY1 causi i disturbi neurologici osservati nei bambini che stiamo trattando

spiega Gregory Enns, uno dei responsabili dello studio.

Il lavoro inizia proprio quando si trova il difetto genetico.

malattia genetica

A tal proposito, è lo stesso Enns a sottolineare che l'identificazione del gene responsabile della malattia è stata così rapida proprio grazie alla collaborazione tra i ricercatori e le famiglie. Infatti dopo aver contattato il padre di un altro bambino con sintomi molto simili a quelli della prima paziente è stato proprio quest'ultimo a identificati altri 6 casi in tutto il mondo.

I social network aiutano i genitori a raccogliere e a condividere opinioni

ha commentato Matt Wilsey, il padre della prima paziente, aggiungendo anche che attraverso la rete

i ricercatori possono condividere i loro insuccessi, rendere pubblici i loro risultati negativi in modo che altri non commettano gli stessi errori.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Stanford School of Medicine

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail