Urbanizzazione, anche le piante si evolvono

Urbanizzazione, anche le piante si evolvono

In città aumentano le aree ricoperte da asfalto e cemento e anche le piante si adattano. La radichella di terrasanta (Crepis sancta), una pianta erbacea diffusa in Piemonte, Liguria, Sardegna, nelle regioni centrale dell'Italia e nella Francia meridionale, negli ultimi anni ha messo in atto una super-evoluzione, cambiando addirittura il suo modo di riprodursi. Le […]

In città aumentano le aree ricoperte da asfalto e cemento e anche le piante si adattano. La radichella di terrasanta (Crepis sancta), una pianta erbacea diffusa in Piemonte, Liguria, Sardegna, nelle regioni centrale dell'Italia e nella Francia meridionale, negli ultimi anni ha messo in atto una super-evoluzione, cambiando addirittura il suo modo di riprodursi.

Le pianticelle cittadine di Crepis Sancta, infatti, hanno sviluppato semi più pesanti di quelli prodotti dalle piante che crescono in campagna. I semi cittadini, quindi, cadono vicino alla pianta madre, avendo così maggiori possibilità di attecchire, mentre i semi di campagna si diffondono grazie al vento. Di questa evoluzione cittadina “a tappe forzate” ha parlato anche FuturoProssimo

Ma l'adattamento urbano potrebbe mettere a rischio la vitalità della specie: la minore dispersione dei semi comporta un minore scambio genetico fra i diversi esemplari. Inoltre, un frammento di popolazione isolato è più vulnerabile ai cambiamenti ambientali locali perché non saranno mai in grado di raggiungere zone più favorevoli, avendo rinunciato ai semi più leggeri.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori del Centro di ecologia funzionale ed evolutiva del CNRS a Montpellier, in Francia, guidati da Pierre-Olivier Cheptou, ed è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog