Cos'è un granuloma dentale, i sintomi e la cura

Il granuloma dentale, altrimenti chiamato granuloma apicale, periapicale, ma anche parodontite apicale cronica granulativa, è una malattia infiammatoria cronica dei tessuti periapicali del dente.

Il granuloma dentale è una patologia infiammatoria piuttosto frequente, che può essere individuata tramite una normale ortopantomografia, una radiografia della bocca. In pratica si tratta di una conseguenza di un'infezione batterica che ha colpito la radice dentale: i batteri, diffondendosi, provocano una reazione infiammatoria che causa il riassorbimento osseo periapicale e la comparsa di tessuto infiammatorio.

Il granuloma dentale si presenta nei denti nei quali il nervo ha subito una necrosi pulpare, cioè in cui il nervo è morto spontaneamente, oppure nel caso in cui il dente sia stato precedentemente devitalizzato. Purtroppo questo stato infiammatorio non dà sintomi ben precisi e può rimanere latente per molti anni e venire scoperto per caso in occasione di un controllo radiografico a tutta la bocca.

Cosa fare in caso di granuloma dentale? Se si tratta di un'infiammazione acuta, è bene sottoporre il paziente ad un trattamento con antibiotici, che però non vengono utilizzati nel caso il dente si trovi già nella fase cronica. Nel primo caso, però, si parlerebbe di un ascesso al dente, mentre condizione principale del granuloma dentale è proprio il suo essere ormai un'infiammazione cronica.

Quando il dentista scopre un granuloma dentale, bisogna intervenire con la rimozione dello stesso: si possono usare diverte tecniche, come il ritrattamento canalare, che non è sempre un intervento possibile, l'apicectomia o l'estrazione dentale, ultima soluzione quando le due tecniche precedenti risultano non applicabili al singolo caso.

granuloma dentale

Foto | da Flickr di navalsurfaceforces

Via | studiodentisticocaruso

  • shares
  • Mail