Benessereblog Salute Le conseguenze della palatoschisi e le terapie più indicate

Le conseguenze della palatoschisi e le terapie più indicate

Le conseguenze della palatoschisi e le terapie più indicate

Cosa è la palatoschisi? E quali sono le conseguenze per i bambini che nascono con questa malformazione? La palatoschisi è un’anomalia che si sviluppa durante la fase della formazione embrionale. L’incidenza di questa condizione è variabile, e va da 1 caso su 3.300 a 1 caso su 10.000 bambini. Ma cosa comporta esattamente la palatoschisi?

I bambini con questa malformazione presentano una fissurazione che può interessare il palato duro e/o il palato molle. Il nome stesso della condizione spiega di cosa si tratta esattamente. Nei bambini affetti da tale malformazione si determina infatti una schisi (interruzione) del palato.

Le possibili cause della palatoschisi sono molteplici. Oltre a fattori genetici (che interessano il 20% dei pazienti) si registrano infatti cause ambientali e altri potenziali elementi, ad esempio l’età avanzata della madre, l’esposizione della madre ad alcol, droghe o farmaci antiepilettici durante la gravidanza o condizioni come il diabete materno. Il rischio di palatoschisi può essere efficacemente ridotto con un’adeguata integrazione di acido folico in gravidanza.

Le conseguenze della palatoschisi

Questa condizione comporta la formazione di un canale di comunicazione che collega la bocca e il naso. La più grave forma di palatoschisi è quella completa, ovvero quando si presenta un’apertura totale sia del palato duro che del palato molle. Si parla di palatoschisi isolata quando non viene coinvolto il labbro superiore.

Questa condizione ha comprensibilmente delle conseguenze per il bambino. Fra queste si segnalano quelle che riguardano l’ambito dell’otorinolaringoiatria (a seconda dei casi può infatti aumentare il rischio di otiti medie e ipoacusia per i bambini). Il piccolo può inoltre avere problemi come un’alterazione della dentizione a causa dello sviluppo atipico dell’osso mascellare.

Il bambino con palatoschisi avrà difficoltà ad alimentarsi normalmente (poiché non riuscirà ad eseguire una corretta suzione e deglutizione). Esistono tuttavia dei supporti appositi che renderanno l’alimentazione quanto più efficace possibile. Con il passare del tempo la palatoschisi potrà causare problemi a livello della fonazione. Il piccolo potrebbe infatti manifestare difficoltà nell’articolazione dei suoni e nel linguaggio.

Come si cura la palatoschisi?

Questa condizione non può essere curata con un unico intervento risolutivo. Saranno necessari diversi trattamenti chirurgici e medici che si protrarranno fino alla fine dello sviluppo. I trattamenti medici saranno fondamentali per correggere le anomalie e le problematiche che il bambino dovrà affrontare negli anni.

A tal proposito, per fronteggiare la situazione saranno necessarie dunque figure professionali importanti, a cominciare dai chirurghi, seguiti da logopedisti, ortodontisti, otorinolaringoiatra e psicologo. Quest’ultimo aiuterà il paziente ad affrontare le conseguenze della palatoschisi sull’aspetto fisico e sulle abilità di comunicazione.

via | Diveecomemicuro

Foto da iStock

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social