Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag personal trainer

Assumere un personal trainer: quello che dovete sapere

pubblicato da fritha

personal trainerDi andare in palestra proprio non se ne parla perché i corsi affollati non fanno per voi, la dimensione sociale dell’allenamento vi induce a trascorrere quelle ore chiacchierando e non faticando oppure non avete proprio il tempo di adeguarvi agli orari della palestra. Men che meno contate sulla vostra buona volontà scegliendo di allenarvi da soli all’aperto o a casa, perché mollereste rapidamente. Rimane solo il personal trainer.

Non è necessariamente un lusso da ricconi, perché potrebbe bastare solo qualche lezione per farvi fare una scheda di allenamento completa e calibrata sulle vostre esigenze, farvi dare qualche consiglio da esperto, farsi seguire nell’esecuzione degli esercizi per assicurarvi di averli appresi correttamente. Poi, periodicamente, potreste decidere di rivederlo per verificare i progressi e modificare la routine. Ci sono però delle cose da sapere per sceglierlo bene e instaurare il rapporto più produttivo.

Cominciate con l’evitare di pensare al personal trainer come ad un amico. È un professionista che pagate perché vi alleni, dunque non raccontategli i fatti vostri, non aspettatevi consigli, non fatevi coinvolgere più di tanto. Sarebbero inutili complicazioni.

Continua a leggere: Assumere un personal trainer: quello che dovete sapere

....
condividi 0 Commenti

Consigli per scegliere il compagno di sport ideale

pubblicato da fritha

run budUna ricerca del 2009 ha dimostrato che allenarsi con un compagno di sport può migliorare la resa e aiutare a perdere peso. Uno studio più recente, del Maggio 2011, ha confermato che anche la motivazione che sono capaci di fornire partner virtuali è notevole. Per una volta possiamo dire un incondizionato grazie ai social network. Quelli a tema sportivo sono tanti e crescono quotidianamente. Ma chi preferisce avere con sé un amico con cui allenarsi dovrà tenere conto di qualche dettaglio importante nella scelta.

Coinvolgere il proprio migliore amico o il collega con cui condividere l’attività fisica in pausa pranzo può non essere la scelta migliore, perché bisogna considerare alcuni fattori. Per cominciare la scelta della disciplina da seguire potrebbe escludere a priori persone che pure vi sembrerebbero adatte per dividere con voi le fatiche sportive ma che potrebbero non nutrire alcun interesse in quel che avete deciso di fare in palestra o outdoor. Magari al vostro amico piace correre quanto a voi ma preferisce farlo con la musica nelle orecchie, da solo.

Altrettanto importante è scegliere un compagno che abbia più o meno lo stesso livello di allenamento, perché non sarebbe proficuo per nessuno dei due dover forzare il ritmo o allenarsi al di sotto delle proprie possibilità reali. Iniziare da una base comune sarà più utile perché farete progressi insieme, vi stimolerete a vicenda e non dovrete fermarvi ad aspettare che il vostro partner arrivi col fiatone perché l’avete distaccato troppo. Inducendolo probabilmente a mollare presto perché non riesce a starvi dietro.

Diverso è il caso di alcuni sport che richiedono l’apprendimento di una tecnica, come per esempio il tennis. In questo caso può essere utile avere un compagno che sia più esperto di noi in modo che possa correggere i nostri errori. Fate in modo però che anche lui si senta stimolato e non si annoi a morte nel dovervi insegnare l’abc. Se partite da zero quel che vi serve è un istruttore, non un amico. È dimostrato che un amico funziona meglio di un personal trainer estraneo, ma se dovete imparare la scelta è obbligata. A meno che un vostro amico non sia anche disposto ad istruirvi.

Via | Self

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Fare progressi nell'allenamento: la regola del 10%

pubblicato da fritha

sea runSi rischia di esagerare o al contrario di non progredire un granché con l’allenamento quando si sceglie la corsa e l’autogestione della propria attività fisica senza un personal trainer che ci segua e ci spieghi come organizzare le sedute di allenamento, ma c’è una regola che ci aiuta.

È la cosiddetta regola del 10% che spiega Vitonica: consiste nell’incrementare la distanza percorsa di settimana in settimana del 10%, senza esagerare oltre anche quando ci si senta in grado di farlo. In questo modo i progressi saranno evidenti ma graduali e soprattutto sicuri, senza rischio di sovrallenamento.

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Playground Pump: allenarsi al parco giochi

pubblicato da fritha

playground pumpAllenarsi all’aria aperta è uno dei pochi piaceri che può riservare lo sport a chi è vittima della pigrizia ma se all’allenamento si aggiunge una dimensione ludica e si sfrutta il momento in cui portiamo i bambini al parco per fare qualche esercizio persino i più restii a fare un po’ di movimento potrebbero cedere e trovare divertente oltre che utile l’attività fisica.

Chris Rauchnot è un personal trainer che ha deciso di venire incontro alle esigenze dei genitori che si lamentavano di non trovare mai tempo per fare ginnastica. Ha creato quindi una raccolta di esercizi per tutto il corpo, dal riscaldamento all’allenamento allo stretching, da eseguire tutti al parco giochi, sfruttando altalene e corde per arrampicarsi, dondoli e panchine.

La raccolta Playground Pump si compone di 50 card facili da portarsi dietro senza difficoltà, infilandole in tasca per averle sempre a portata di mano e controllare le istruzioni per fare al meglio gli esercizi nella corretta sequenza.

L’allenamento è personalizzabile perché basterà mescolare le carte per seguire un percorso differenziato secondo il tempo che avete a disposizione e i gruppi muscolari che volete allenare. Le card si possono acquistare su Amazon a circa 12 dollari oppure scaricare con applicazione per iPhone a circa 4 dollari.

....
condividi 0 Commenti

Video esercizi per addominali e glutei che fanno bene all'umore

pubblicato da missunderstanding

La personal trainer di BodyRockTv, che illustra i 20 minuti di esercizio per tonificare gambe e glutei, propone questa sessione di allenamento per contrastare il cattivo umore. In più, consiglia di tenersi in forma cercando di eliminare gli zuccheri alimentari aggiunti per almeno un mese: gli unici zuccheri ammessi nella dieta sono quelli contenuti nella frutta e nel miele.

Se siete di cattivo umore, provate l’allenamento consigliato da Zuzane, se la speranza di avere i suoi addominali a furia di far esercizi serve da motivazione, un passo avanti verso il buonumore è stato già fatto.

....
condividi 0 Commenti

Tracy Anderson Method e il fitness per le star

pubblicato da fritha

Spesso ci siamo chiesti come facciano certe star a mantenersi in forma nonostante gli stili di vita poco sani, lo stress, gli spostamenti frequenti, le intemperanze. Qualche volta ci siamo risposti dicendoci che con quel che guadagnano possono certo permettersi il meglio delle cure per il corpo, sia a tavola che in palestra tra nutrizionisti e diete personalizzate, personal trainer e piani di allenamento creati appositamente. Alcune attrici tra le più amate del mondo seguono il metodo Tracy Anderson.

Di cosa si tratta? Lo ha rivelato Gwyneth Paltrow nella sua newsletter periodica su Goop, intervistando alcune sue celebri colleghe e chiedendo loro di spiegare quali vantaggi ne traessero. Le risposte sono unanimi: Courtney Cox, Donna Karan, Kristin Davies e la stessa Gwyneth dicono tutte che si tratta di un sistema semplice e alla portata di tutti ma che funziona, tonifica il corpo e diverte.

Lei, Tracy Anderson, è la personal trainer preferita a Hollywood e sebbene sia stata licenziata da Madonna – dopo averle scolpito il corpo, dice – continua a riscuotere un enorme successo con il suo metodo di allenamento.

Nessun segreto, perché la sua tecnica si limita a combinare il meglio di pilates, danza, aerobica. Ma si serve anche di una macchina di sua invenzione che ottimizza i movimenti, la Hybrid Body Reformer (ma chi conosce il pilates con gli attrezzi troverà non poche somiglianze). Una sua seduta costa 3000 dollari in America, 5000 se in trasferta. Con questi prezzi vorrei ben vedere qualche risultato!

....
condividi 0 Commenti

Lavorare sui muscoli per superare la perdita del lavoro

pubblicato da missunderstanding

sport contro crisi

Leggo sul Venerdì di Repubblica di un’iniziativa sportiva utile a chi ha perso il lavoro e deve riallacciare i contatti: si chiama Bad Times Bootcamp ed è un programma di training che rimette in sesto chi è stato colpito dalla crisi.

Bad Times Bootcamp serve a superare i momenti difficili tramite l’allenamento fisico ed è un programma dedicato a manager, a professionisti e a semplici lavoratori che si ritrovano all’improvviso senza lavoro.

Il training si svolge in spiaggia e in palestra, sotto la guida di un personal trainer, almeno tre volte alla settimana. Il corso è gratuito ed è stato ideato da Alex Light, un ex agente immobiliare che in una settimana ha perso occupazione e società.

L’unico problema dell’associazione Bad Times Bootcamp? Si trova a Dubai, ma una volta che non si ha più niente da perdere, perché non ricominciare dall’altra parte del mondo? Forse può aiutare a guardare passato e stile di vita da un altro punto di vista!

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

50 esercizi per scolpire gli addominali

pubblicato da missunderstanding

Gli esercizi per addominali nel video rappresentano una vera e propria guida base per conoscere tutte le tipologie di esercizio per tonificare e scolpire l’addome.

Tutta la serie di esercizi per scolpire gli addominali è illustrata da Umberto Miletto, preparatore atletico e personal trainer, autore di un ebook dedicato interamente agli addominali, che contiene i 7 segreti per una pancia piatta e scolpita.

Seguite da questa pagina tutti i consigli e i nuovi video per tenere allenati i vostri addominali!

....
condividi 0 Commenti

Sondaggio: dove vi allenate?

pubblicato da fritha

runnersCon la bella stagione siamo indotti, dal bel tempo e dalla prospettiva di risparmiare qualche soldo rendendo l’attività fisica anche un momento per stare all’aria aperta, a concludere gli abbonamenti in palestra e a privilegiare il fai da te. Il fai da te però nello sport può essere più rischioso che vantaggioso, perché si rischia di far danni eseguendo male gli esercizi anziché trarne beneficio.

Voi dove vi allenate solitamente? Frequentate una palestra durante l’inverno e optate per il parco o il lungomare in estate? Preferite allenarvi in casa con Wii Fit o dvd dedicati al pilates o al gag? O vi affidate ad un personal trainer che vi segua nel primo periodo insegnandovi le tecniche da ripetere poi da soli?

Foto | Flickr

....
condividi 2 Commenti

Rimini Wellness, al via la fiera del benessere

pubblicato da missunderstanding

Rimini Wellness
Partirà giovedì 14 maggio Rimini Wellness, la grande kermesse dedicata a tutti coloro che hanno cura del proprio corpo, sono alla ricerca del proprio equilibrio fisico e mentale, hanno interesse per l’attività fisica e sportiva, o semplicemente, vogliono conoscere tutte le novità nel settore del benessere.

Rimini Wellness è il centro dello sviluppo delle pratiche e delle tecniche del benessere e concentra in un solo luogo operatori del settore ed esperti a completa disposizione del pubblico: gestori di palestre, istruttori e presenter, responsabili di centri medico sportivi, centri benessere ed estetici, spa, stabilimenti balneari e alberghi saranno riuniti nella manifestazione dedicata al benessere, che riserva un’area anche all’estetica, alla nutrizione, alla moda, alla cultura, al turismo e al design legati al concetto di benessere.

Trovate qui la lista di tutti gli eventi Rimini Wellness wfun dedicati ai visitatori, tra cui segnalo le selezioni di DonnAvventura, la presentazione del primo personal trainer per il Wii, i workshop di bioginnastica all’interno del Biovillaggio. Pensate di fare un salto alla fiera del benessere per eccellenza?

....
condividi 1 Commenti