Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag dieta mediterranea

Come fare la dieta mediterranea dimagrante giorno per giorno

pubblicato da si.sol.

dieta mediterranea dimagrante

Già in passato abbiamo avuto diverse occasioni di parlare dei benefici della dieta mediterranea per la salute. Ora arriva un’altra buona notizia: la dieta mediterranea può essere anche dimagrante. Basta abbinare i suoi alimenti in modo da non superare mai le 1.200 calorie al giorno e il gioco è fatto. In questo modo, infatti, è possibile perdere anche 2 chili in una settimana.

Chi vuole perdere peso deve mangiare ogni giorno carboidrati sotto forma di pane, pasta o cereali, 2 o 3 porzioni di latte e derivati, 2 di frutta e 3 di verdura. I legumi devono, invece, essere consumati 3 volte alla settimana. Gli alimenti non devono essere fritti, ma conditi con olio extravergine di oliva a crudo o, nel caso delle verdure, grigliati.

Le calorie devono essere suddivise in 5 pasti (colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena).

Continua a leggere: Come fare la dieta mediterranea dimagrante giorno per giorno

....
condividi 1 Commenti

Corpo e cervello, la dieta mediterranea migliora la qualità della vita

pubblicato da si.sol.

la dieta mediterranea promuove una migliore qualit�  della vita

I benefici della dieta mediterranea sono stati definitivamente confermati da uno studio dei ricercatori delle Università di Las Palmas e di Navarra pubblicato sull’European Journal of Clinical Nutrion che ha dimostrato che oltre a promuovere la longevità, la fertilità, la qualità del sonno e la salute cardiovascolare questo regime alimentare garantisce, più in generale, una migliore qualità di vita in termini di salute fisica e mentale.

La prova di questi benefici arriva direttamente dallo stato di salute degli oltre 11.000 studenti universitari coinvolti dai ricercatori nello studio. All’inizio dello studio gli scienziati hanno valutato le abitudini alimentari dei partecipanti. Dopo 4 anni la qualità della loro vita è stata misurata con un scala di valutazione specifica. Ne è emerso che i ragazzi che consumavano quantità maggiori di legumi, verdure, frutta, noci, cereali e pesce limitando, invece, il consumo di carni e alcol, stavano meglio sia dal punto di vista mentale, sia, soprattutto, da quello fisico.

Secondo Patricia Sánchez Henríquez, autrice principale dello studio, questi risultati sono ancora più significativi dal fatto che

l’invecchiamento della popolazione nei paesi industrializzati rende ancora più preziosi la qualità della vita e la buona salute dei cittadini.

Ricordiamo, quindi, i principi di una corretta dieta mediterranea:

  • ai pasti principali non devono mai mancare cereali, frutta e verdura e latticini;
  • la principale fonte di grassi deve essere l’olio di oliva, noto per le sue elevate qualità nutrizionali;
  • le proteine animali devono essere assunte sotto forma di carne magra, uova e pesce. Quaest’ultimo, insieme ai frutti di mare, è anche un’ottima fonte di quei particolari grassi che fanno bene alla salute, gli Omega-3;
  • consumare solo raramente e in piccole quantità prodotti ad elevato contenuto di zucchero, come caramelle, torte, pasticcini e bibite gassate;
  • bere da 1,5 a 2 litri d’acqua e, con moderazione, vino e altre bevande fermentate.

Via | santélog
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Dieta Mediterranea, ideale contro l'Alzheimer

pubblicato da si.sol.

La dieta mediterranea �¨ efficace  contro l'Alzheimer

Un’alimentazione corretta, si sa, aiuta a mantenere in salute il cervello. Fra tutte le possibili scelte, quella di preferire la dieta mediterranea continua a confermare i suoi benefici. Ultimo in termini di tempo quello di proteggere dall’Alzheimer, dimostrato dallo studio PREDIMED (PREvencion con DIeta MEDiterranea), i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Alzheimer’s Disease da Cinta Valls-Pedret e colleghi dell’Hospital Clínic di Barcellona.

La ricetta ideale? Un’insalata condita con olio extravergine d’oliva e un po’ di noci o nocciole, il tutto accompagnato da vino rosso. E, per finire, un bel caffè. In questo modo, spiegano gli esperti della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG), si assumono gli antiossidanti e i polifenoli che permettono di mantenere un cervello sano più a lungo.

Non solo cura, quindi, ma anche prevenzione nei confronti di una malattia che colpisce il 3,5% della popolazione italiana, per un totale di 500 mila casi all’anno e ben 30 miliardi di euro spesi in assistenza sanitaria e sociale.

Continua a leggere: Dieta Mediterranea, ideale contro l'Alzheimer

....
condividi 0 Commenti

Dieta mediterranea afrodisiaca, antiossidanti efficaci contro la disfunzione erettile

pubblicato da Paola Pagliaro

dieta mediterranea

La dieta mediterranea è afrodisiaca. Mangiare pasta, pane (in quantità moderate) e verdure, usare olio extravergine d’oliva, spezie e bere un bicchiere di vino rosso (senza esagerare), migliora infatti la salute delle arterie, garantendo prestazioni sessuali migliori.

Una ragione in più per mangiare cibi mediterranei e non dimenticare i valori della nostra dieta, che va ad aggiungersi ai benefici già ampiamente noti della dieta mediterranea, vedi longevità e protezione dai big killers, dalla depressione, da alcuni tipi di cancro, malattie croniche e patologie cardiovascolari.

Degli effetti della dieta mediterranea sulla salute sessuale si è parlato ad Abano Terme (Padova) nei giorni scorsi, nell’ambito del XXVII Convegno di medicina della riproduzione. Katherine Esposito, del Dipartimento di geriatria e malattie del metabolismo dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha spiegato che:

I cibi freschi della cucina mediterranea, favorendo il benessere generale, possono concorrere a una buona vita sessuale: le loro proprietà antiossidanti hanno effetti benefici sulle salute delle arterie e, di conseguenza, sulle prestazioni sessuali: mangiare mediterraneo migliora la performance nel maschio e aiuta la donna a sentirsi meglio con la propria sessualità. Una serie di osservazioni cliniche e di studi di intervento ha dimostrato che l’elisir di lunga vita si applica anche alla sfera sessuale. L’adesione ai principi della dieta mediterranea ha notevolmente migliorato il vissuto sessuale di pazienti che allo stato basale erano affetti da disfunzione erettile (uomini obesi o con sindrome metabolica, una costellazione di fattori di rischio per malattie cardiovascolari e diabete) o da disturbi sessuali femminili.

Non a caso la dieta mediterranea è dal 2010 Patrimonio immateriale dell’Umanità. Oltre ai benefici sulla salute fisica, favorisce l’aggregazione sociale e preserva la biodiversità e le tradizioni del territorio.

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

La vitamina B è la vitamina della memoria

pubblicato da lorenza barletta

vitamina B
Da anni ormai è noto il fenomeno secondo il quale, mangiando bene ai pasti, ci si aiuta a preservare nel miglior modo possibile la nostra memoria; la dieta mediterranea è, infatti, una garanzia per la longevità del cervello e delle sue funzioni.

Questo perchè tale alimentazione apporta tutte le vitamine necessarie e fondamentali per la nostra memoria, ovvero quelle del gruppo B, in particolare la B1 e la B12. Una loro carenza, importante e prolungata, può creare disturbi a livello mnemonico anche gravi, fino alla demenza.

In casi di carenza, quindi, via libera ad una maggiore attenzione nell’assunzione degli alimenti indicati dalla dieta mediterranea e, nei casi meno lievi, anche all’integrazione delle vitamine in questione. Ricordiamo inoltre che anche l’attività fisica fa bene alla memoria, a patto che non sia troppo faticosa, ripetitiva e poco divertente.

Via | Medicinalive
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

La dieta mediterranea allunga la vita

pubblicato da francesca camerino

La dieta mediterranea allunga la vita Vado ghiotta per pane, cereali, olio d’oliva, frutta, verdura, e seguo una dieta mediterranea, spesso, senza saperlo: buon per me, anche perchè secondo numerosi studi fa bene al cuore, é contro i reumatismi, previene alcuni tipi di cancro, e aiuta la memoria.

In particolare sono le ricerche effettuate a partire dal 1950 che hanno dimostrato che una dieta mediterranea, basata su un elevato consumo di pesce e verdure e un basso consumo di prodotti di origine animale come carne e latte, porta benefici per la salute.

Gli scienziati presso l’Università di Göteborg hanno studiato gli effetti di una dieta mediterranea sulle persone anziane. Lo studio é noto come il “H70 studio” con cui hanno confrontato nel corso di più di quarant’anni soggetti settantenni che seguivano una dieta mediterranea con altri della stessa età che invece hanno mangiato più carne e prodotti animali. I risultati mostrano che coloro che seguono una dieta mediterranea hanno maggiori probabilità di vivere a lungo (il 20 per cento in più). Questo risultato é accompagnato da altri tre studi non ancora pubblicati che analizzano la dieta mediterranea e i loro effetti sulla salute: uno in Danimarca, uno nel nord della Svezia, e il terzo sui bambini.

Il Dott. Gianluca Tognon, scienziato italiano in forza presso l’Università di Göteborg commenta così i risultati: “La conclusione da trarre da questi studi è che una dieta mediterranea senza dubbio è associata ad una salute migliore, non solo per gli anziani, ma anche per i più piccoli”. E allunga la vita agli anziani, il che non è male.

Via | ScienceDaily

....
condividi 0 Commenti

Dieta atlantica contro le patologie cardiovascolari

pubblicato da fritha

mariscosNotissima a noi tutti è la dieta mediterranea, che fa parte della nostra tradizione più antica ed è considerata da molti la vera panacea, capace di mantenerci in forma e prevenire numerose patologie che un’alimentazione meno ricca, sana e variata potrebbe talvolta portare con sé.

C’è però spazio anche per considerare positivamente la cosiddetta dieta atlantica, che rispetto a quella mediterranea prevede una quantità maggiore nel consumo di pesce, meno carne rossa e poi frutta, verdura, latticini e olio d’oliva in buone quantità. Ne avete già sentito parlare o ne avete sfruttato i vantaggi?

Anche i metodi di cottura preferiti per pesce e frutti di mare sono più salutari e prediligono piastra e forno a frittura e griglia. Per le sue caratteristiche principali questa dieta è stata di recente associata alla prevenzione di malattie cardiovascolari e altre patologie come il diabete o addirittura il cancro derivante da un cattivo stile di vita, nel quale spicca sempre l’alimentazione tra i fattori di rischio più importanti.

Foto | Flickr

Via | Vitonica

....
condividi 0 Commenti

La piramide alimentare si aggiorna

pubblicato da fritha

piramide mediterranea

Si aggiorna la piramide alimentare adeguandosi ai tempi, con il doppio scopo di adeguarla alla dieta mediterranea che seguiamo tendenzialmente ai nostri giorni e soprattutto di fornire informazioni più precise, con una nuova attenzione al rispetto della biodiversità e all’impatto ambientale, ma anche con note aggiuntive che forniscono indicazioni sui procedimenti di preparazione degli alimenti oltre che su tipologia e porzioni dei cibi che non dovrebbero mai mancare a tavola.

Lo apprendiamo dalla Fundación Dieta Mediterránea spagnola che ha rivisitato la classica piramide alimentare arricchendola con informazioni adeguate allo stile di vita attuale, decisamente diverso rispetto a quello di qualche decennio fa. L’hanno messa a punto esperti che hanno aggiunto razioni e frequenza di consumo degli alimenti e aggiungendo – qui una vera novità – l’uso di erbe e infusi per sfruttarne le proprietà.

In questo modo il regime alimentare suggerito dalla più classica piramide alimentare dovrebbe essere più aderente alle nostre abitudini quotidiane e tenere conto delle esigenze moderne e dunque essere più semplice da accogliere sulla propria tavola. Insomma, non si possono addurre più scuse. C’è anche una sezione esplicitamente dedicata all’attività fisica.

Via | Vitonica

....
condividi 0 Commenti

Dieta mediterranea e moderato esercizio fisico combattono l'infertilità maschile?

pubblicato da francesca camerino

Dieta mediterranea e moderato esercizio fisico combattono l'infertilità maschile? Ho scovato una buona notizia per le coppie che cercano di concepire naturalmente e hanno bisogno di sperma altamente mobile. Una dieta sana associata ad un moderato esercizio fisico aiuta gli uomini che vogliono concepire un figlio.

Sappiamo che per gli uomini mangiare cibi troppo grassi può portare ad un impoverimento degli spermatozoi. Ora ne sappiamo di più: se mangiano una dieta ricca di frutta, verdura e pesce, alimentazione dalle caratteristiche mediterranee, hanno più probabilità di diventare padri, secondo un più recente studio.

Secondo le ricerche fatte dagli studiosi della Harvard School of Public Health di Boston, una dieta di tipo mediterraneo, può migliorare la motilità degli spermatozoi del 11 per cento. La ricerca è stata associata ad un altro studio condotto presso l’Università di Yamaguchi in Giappone secondo il quale gli uomini che fanno un’attività fisica non eccessiva possono determinare una maggior motilità dello sperma.

Entrambi gli studi sono stati presentati nel corso della conferenza American Society for Reproductive Medicine (ASRM) ad Orlando. Si tratta di studi preliminari in quanto sono stati presentati nel corso di una conferenza scientifica e non sono stati ancora pubblicati su alcuna rivista. Ma fanno ben sperare per il futuro.

Via | Uk.news.yahoo
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

La dieta mediterranea riduce i rischi di malattie croniche

pubblicato da francesca camerino

La dieta mediterranea riduce i rischi di  malattia La dieta mediterranea si basa sulle diete tradizionali dei paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, tra i quali l’Italia, la Grecia e la Spagna. La dieta prevede verdure fresche, frutta, olio d’oliva, pesce, e vino rosso in dosi moderate. Diversi studi hanno dimostrato che questo genere di dieta può proteggere da malattie croniche e rendere la vita più lunga e sana.

Uno studio recente tutto italiano, che sarà pubblicato nell’edizione di novembre della rivista American Journal of Clinical Nutrition, è stato diretto da Francesco Sofi, nutrizionista presso L’Università di Firenze, che ha preso in esame sette nuovi studi apparsi negli ultimi due anni che hanno valutato gli effetti benefici della dieta mediterranea sulla salute. Attraverso lo strumento della meta-analisi con cui ha riassunto i dati provenienti dai diversi studi clinici, è arrivato alla conclusione che seguendo la dieta mediterranea si riducono dell’8% i casi di morte, del 10% le malattie cardiovascolari e la morte per arresto cardiaco, del 6% il cancro, del 13% le malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.

Aderire ai dettami della dieta mediterranea, ricca di olio d’oliva, carboidrati, frutta, verdura e pesce e con un moderato consumo di vino rosso ai pasti non è poi così difficile, soprattutto per noi italiani che abbiamo questo genere di alimenti a portata di mano. Bisogna approfittare.

Foto | Flickr
Via | Herbalwater

....
condividi 0 Commenti