Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag calorie

Due ore di jogging alla settimana ci fanno guadagnare 6 anni di vita

pubblicato da lorenza barletta

corsa joggingDal titolo potrebbe sembrare uno scherzo, ma non lo è. E saranno contenti soprattutti i nostri amici appassionati di jogging. Secondo uno studio della Copenhagen City Heart, fare regolarmente due ore di jogging alla settimana aumenta le aspettative di vita di sportivi e sportive in questione. Lo studio è stato presentato a Dublino, dal 3 al 5 maggio, in occasione di un congresso tenuto da cardiologi di tutto il mondo.

Il rischio di decesso diminuirebbe di ben il 44% tra gli sportivi, mentre le aspettative di vita migliorerebbero di 6,2 anni per i maschi e di 5,6 anni per le donne. L’importante è mantenere un certo ritmo, ovvero sforzarsi ancora per qualche minuto quando ci si inizia a sentire leggermente affaticati.

Ma perchè tutto ciò? Il jogging apporta alcuni benefici per la salute, tra cui: miglioramento dell’assorbimento d’ossigeno, aumento della sensibilità all’insulina, abbassamento della pressione arteriosa, diminuzione dell’aggregazione piastrinica, miglioramento della funzionalità cardiaca e della densità ossea, ecc. E tutti questi benefici aiutano soprattutto dopo una creta età, per questo le aspettative di vita migliorano esponenzialmente.

Via | Santelog
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Il fruttosio non è la causa dell' ipertensione

pubblicato da Selisa


In passato sono state sollevate molte questioni sul fruttosio come fattore alimentare di rischio per l’ipertensione, che può portare a ictus, malattie cardiovascolari, malattie renali e morte ma una recente analisi pubblicata su Hypertension, giornale dell’American Heart Association, confuta questa tesi.

Nonostante una precedente ricerca mostri che la pressione sanguigna negli esseri umani aumenta immediatamente dopo aver consumato il fruttosio, questo nuovo studio ha riscontrato che non vi è alcuna prova che il fruttosio aumenti la pressione sanguigna se consumato per più di sette giorni. Non è il fruttosio ma piuttosto le calorie in eccesso che determinano l’aumento della pressione - concludono gli esperti.

Appurato che il fruttosio non causa ipertensione, resta il fatto che è calorico: 100 grammi equivalgono a 400 Kcal, esattamente come lo zucchero. E’ quindi importante conoscere gli alimenti più comuni e maggiormente ricchi di fruttosio che sono in ordine: il miele, la frutta secca, i cetrioli dolci, le pere, le mele, pomodori, e spumante dolce e in quantità inferiori il fruttosio è presente nelle più svariate tipologie di frutta e in quantità ancora minori nelle verdure.

Via | St. Michael’s hospital
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Ecco perchè i magri mangiano lentamente

pubblicato da Selisa

Secondo uno studio cinese la masticazione ha un ruolo nella regolazione degli ormoni intestinali, che conseguentemente influenzano la quantità di cibo ingerita durante i pasti.

Secondo i ricercatori, gli obesi mangiano di più e masticano meno dei magri; se la dimensione del morso è simile sia nei soggetti obesi che in quelli magri, ciò che cambia è il rapporto tra cibo ingerito e numero di masticazioni nel senso che se si mastica di più si mangia di meno e viceversa.

Il fenomeno sarebbe legato alle variazioni sulle concentrazioni plasmatiche di ormone intestinale che la masticazione genera sia nei soggetti magri che nei soggetti obesi. 40 masticazioni rispetto a 15, oltre ad un minor apporto energetico (circa il 12% in meno di calorie), generano minore concentrazione di grelina postprandiale (ormone che genera l’appetito nel sangue) e maggiori concentrazioni di peptide glucagone-simil 1 postprandiale, una molecola che viene secreta, in risposta all’assunzione di zuccheri, dalla parte finale dell’intestino tenue (ileo distale) e dal colon e che stimola un potente insieme di azioni coordinate con il compito di gestire in modo efficiente un’abbondante assunzione zuccherina.

Lo studio ha cercato di dimostrare che masticare di più apporta ottimi benefici alla linea ed all’assorbimento efficace del cibo ingerito, contribuendo al senso di sazietà e di benessere durante e dopo i pasti.

Via | Pub Med

....
condividi 0 Commenti

Quale dieta sciegliere? Ecco la risposta

pubblicato da Selisa

Dieta Dukan? Dieta proteica? A zone? O fai da te? In un certo senso quest’ultima è la dieta che funziona di più. Nel senso che, d’accordo con un nuovo studio pubblicato di recente sull’ American Journal of Clinical Nutrition, per dimagrire è importante ridurre le calorie mentre non importata da dove si decide di ridurle.

Lo studio ha analizzato diverse centinaia di persone in sovrappeso o obesi assegnando a ciascuna una delle seguenti quattro diete: la prima con quantità ​​media di proteine, basso contenuto di grassi e più carboidrati, la seconda molto proteica con basso contenuto di grassi e alti carboidrati; la terza con proteine medie, alto contenuto di grassi e carboidrati inferiori; quarta e ultima, ad alto contenuto proteico, alto contenuto di grassi e bassi carboidrati.
Nello studio tutte le diete prevedevano una riduzione di 750 calorie al giorno dal fabbisogno giornaliero.

Risultato: dopo 6 mesi, ma anche dopo due anni, i ricercatori non hanno riscontrato differenze sostanziali nella perdita di peso o riduzioni di massa grassa e massa magra tra i partecipanti alle diverse diete.

L’unica discriminante è l’aderenza: in pratica lo studio ha testimoniato che la maggior perdita di peso si è avuta per quei partecipanti che hanno aderito meglio alla dieta. Il segreto per scegliere la dieta è prediligere quella che ci sembra più appetibile, più vicina ai nostri gusti: stare a dieta è dura, pertanto la dieta giusta è quella più “facile” per noi.

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

App per monitorare peso e dieta SparkPeople

pubblicato da fritha

sparkpeopleConoscerete SparkPeople che è un portale dedicato a benessere e fitness tra i più importanti in America. Adesso lancia la sua utile applicazione, gratuita e disponibile per tutti. È molto semplice da usare eppure assai ricca di funzioni. Consente di registrare il peso confrontando l’andamento dei dati e dunque della dieta.

Si possono anche contare le calorie, tenere traccia degli allenamenti, appuntarsi le ricette, consultare quelle prevaricate o i consigli per una sana alimentazione oppure richiedere combinazioni di cibi secondo quel che avete in casa, valutando anche il valore nutrizionale della vostra scelta alimentare.

L’unico limite è che è in inglese, ma essendo molto intuitiva si comprende benissimo la sua struttura anche se non si mastica un granché bene la lingua straniera. È collegata anche ad una community quindi è possibile condividere risultati, speranze, delusioni e buoni propositi, addirittura tenere un diario o partecipare a incontri e stage.

....
condividi 1 Commenti

App per la dieta: Calorie Counter

pubblicato da fritha

calorie counterAnno nuovo e propositi di dieta ancora lucidi e determinati? Non sciupateli e attrezzatevi con gli strumenti giusti che possano sostenere la vostra buona volontà quando comincerà a cedere. Può aiutare un’applicazione per smartphone che consente di conteggiare le calorie che si ingeriscono, affiancando il contatore ad un diario da compilare per tenere traccia della propria alimentazione e ad uno scanner di codici a barre.

La bella notizia: il Calorie Counter è disponibile sia per iPhone che per Android e soprattutto è completamente gratuito. Inoltre l’app si può sincronizzare con il sito FatSecret.com da cui è stata sviluppata in modo da avere sempre disponibili sul proprio cellulare tutte le informazioni del proprio profilo sul sito.

Si può aggiornare e consultare un diario che comprende quello alimentare, quello dedicato all’allenamento, la registrazione progressiva del proprio peso, la possibilità di comparare i dati vedendo i propri progressi. Oltre, naturalmente, a verificare i valori nutrizionali degli alimenti.

....
condividi 1 Commenti

Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!

pubblicato da il_Superficiale

Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!

Dopo le abbuffate natalizie, a patto che siano finite, è tempo di tornare a pensare alla linea. Addio panettoni e pandori, benvenuta cara vecchia insalata. E a proposito di insalata, i tipi del sito Hairspin hanno condotto una breve ricerca fotografica sull’argomento, raccogliendo scatti pubblicitari di donne pronte ad affondare i propri denti nelle foglie verdi. Basta scorrere la galleria che segue per notare che l’espressione sul volto delle signore in questione è sempre di sconfinata felicità. Manco avessero vinto alla lotteria di Capodanno (la fanno ancora, no?).

Fortunatamente il mondo della pubblicità non rispecchia la realtà e in questo momento, in qualche parte del nostro Paese, c’è una donna che se la ride di fronte ad un bel pezzo di torrone. Eppure, per strada e sui giornali, vedere una donna estasiata di fronte ad un piatto di foglie verdi è più comune di quanto possa sembrare. Ora che ve l’abbiamo fatto notare ve ne accorgerete anche voi.

Donne sempre felici di fronte ad un’insalata!
Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!

Continua a leggere: Donne sempre felici di fronte ad un'insalata!

....
condividi 1 Commenti

Quattro grandi verità sulla dieta

pubblicato da fritha

dieta variaCi sono delle cose che si apprendono con l’esperienza, perché se prima non ci sbattiamo il muso, come si suol dire, non riusciamo a convincercene. Per quel che riguarda le diete ciò è tanto più vero perché la teoria la conosciamo tutti ma è la pratica che poi rende chiaro quanto alcuni miti siano da sfatare mentre altre verità siano inconfutabili. Lo sottolinea anche Daily Spark, che spiega quattro grandi verità sulla dieta.

Per cominciare la dieta dimagrante non può diventare uno stile di vita, non si può prendere e lasciare impunemente. In soldoni: il 95% di chi si mette a dieta riprende il peso che ha perso, almeno in parte. Le diete yo-yo sono un vero flagello. Non si può dunque adottarne una senza modificare il proprio stile di vita a tutto tondo.

Un’altra verità è che sì, si può perdere peso anche senza fare sport, però facendolo è meglio, non ci possono essere dubbi. Non solo lo sport riattiva il metabolismo e favorisce lo smaltimento dei grassi, ma ci rende anche più motivati, attivi, bendisposti verso l’alimentazione più curata.

In fin dei conti è tutta questione di calorie, prosegue Daily Spark. Quale che sia il regime che si decide di seguire, è solo riducendo l’apporto calorico o aumentandone il consumo attraverso sport e attività per cui serve un surplus energetico che si perde peso. Infine, mettete sempre in conto qualche inevitabile scivolone. Non lagnatevi lasciandovi andare, piuttosto rimediate alzandovi da quel divano e mettendovi in moto. Mollare per uno sgarro è l’errore più frequente quando si è a dieta.

Foto | Flickr

....
condividi 1 Commenti

A dieta solo due giorni a settimana

pubblicato da Selisa

A dieta solo due giorni a settimana Potrebbe essere una soluzione per quanti non riescono a stare a dieta per più di due giorni: secondo un recente studio inglese una dieta intermittente (con restrizione di carboidrati solo due giorni a settimana e alimentazione spontanea seppur moderata negli altri giorni) apporterebbe maggiori benefici di una dieta continuativa, in cui il regime calorico è controllato quotidianamente. Nello studio, un terzo delle donne sono state a dieta di tipo mediterraneo con calorie limitate a circa 1.500 al giorno. Un secondo gruppo ha mangiato normalmente la maggior parte del tempo, ma due giorni alla settimana ha eliminato i carboidrati e ridotto le calorie (- 650) solo in qui due giorni. Il terzo gruppo ha eliminato i carboidrati due giorni alla settimana, ma senza restrizione calorica in quegli stessi due giorni.
Dopo quattro settimane, le donne dei gruppi della dieta intermittente avevano perso più peso - circa 4 chilogrammi - rispetto alle donne che mangiavano i pasti a basso contenuto calorico tutti i giorni della settimana - circa 2,5 chili.

Le donne nei gruppi a dieta intermittente avevano anche miglioramenti, rispetto a quelle a dieta quotidiana, nei livelli di ormoni - insulina e leptina - collegati peraltro con il rischio di cancro al seno.

Da provare anche a casa, ha detto la stessa autrice Dr Michelle Harvie.

Via | msnbc

....
condividi 0 Commenti

Alimentazione: consigli per un'insalata ricca e sana

pubblicato da fritha

ensaladaÈ la prima cosa che ci viene in mente quando vogliamo dimagrire: riempire la dieta di insalate, con poche calorie, molte fibre, un certo potere saziante, ricche di vitamine e minerali. Di solito però ci sembra anche un piatto molto triste, poco gustoso. Oppure finiamo per sbagliare eccedendo con i condimenti. Vediamo qualche consiglio per preparare un’insalata ricca e sana.

La base dell’insalata dovrebbe essere verde. Va bene qualunque tipo di verdura vi piaccia. Darà al piatto un basso valore calorico, un alto potere saziante e moltissime vitamine. L’ideale è consumare la verdura cruda, ma può andare bene anche cotta al vapore. L’insalata però può essere anche a base di pasta o cereali o ancora di patate, ma in questo caso il nutriente preponderante saranno carboidrati complessi anziché semplici come nel caso delle verdure. Questo tipo di insalate è bene consumarlo a pranzo, prediligendo per la sera quelle a base di verdure.

L’aggiunta di proteine è essenziale per arricchire le insalate di verdure. Si può aggiungere del tonno, dello sgombro, uova dure oppure – ma con moderazione – qualche salume, meglio se magro, come prosciutto crudo sgrassato. Infine, per arricchire l’insalata si può colorare il piatto con altre verdure come carote, cipolla, pomodori e altri ortaggi, verdure o anche frutta – pure secca, come le noci o le mandorle – che vi piaccia.

Discorso a parte meritano salse e condimenti. Da evitare le salse ricche come maionese e simili, perché troppo grasse e caloriche. Meglio scegliere olio extravergine di oliva, aceto o succo di limone, salsa allo yogurt, spezie saporite che possono aiutare anche a ridurre il sale.

Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti