L'endocardite batterica: sintomi, diagnosi e terapia

L'endocardite batterica infettiva è una patologia causata dall'infezione del rivestimento endoteliale del cuore. Ecco come si manifesta, con quali sintomi e segnali e come è possibile curarla al meglio.

Endocardite sintomi

L'endocardite batterica è un'infezione che colpisce il rivestimento endoteliale del cuore: di solito si sviluppa su una valvola cardiaca, ma a volte compare anche su altre parti che formano l'endocardio. L'infezione è solitamente causata da tutta una serie di microrganismi che possono provocare la patologia, anche se nel maggior numero di casi l'endocardite batterica si manifesta a causa della presenza di streptococchi alfa emolitici o viridans. Un altro agente patogeno frequente è lo stafilococco aureus, mentre più rare le infezioni da enterococchi, klebisiella, brucella, neisserie o da funghi.

Quali sono i sintomi dell'endocardite batterica? Il paziente può presentare febbre, brividi, rigidità, sudorazione, soprattutto notturna, ma anche malessere generale, anoressia, astenia, affaticamento. Sono molto frequenti anche altri sintomi dell'endocardite batterica come diminuzione del peso, mal di testa, dolori muscolari, mentre talvolta si presentano anche scompenso cardiaco, lesioni neurologiche focali, dolore toracico o ai fianchi, ematuria, ischemia di un arto.

L'endocardite batterica non viene solitamente diagnosticata con facilità, anche perché i sintomi sono comuni a tantissime altre patologie: solitamente la si riscontra in seguito ad esami diagnostici più approfonditi come ecocardiogramma, test sierologici, emoculture.

L'endocardite batterica si cura con l'utilizzo di antibiotici battericidi, che di solito vanno scelti in base all'agente patogeno responsabile, anche se non sempre è facile individuarlo. Talvolta si richiede anche l'intervento chirurgico.

Via | Conacuore

Foto | da Flickr di nathanreading

  • shares
  • Mail