Fondazione Veronesi: "Immorale testare i nuovi farmaci su pazienti scelti a caso"

La Fondazione Veronesi, con le parole del suo fondatore, si scaglia contro i test di nuovi farmaci su malati scelti a caso: secondo il comitato etico si tratta di una scelta immorale e crudele, nei confronti di chi non riceve il trattamento.

Fondazione Veronesi

Il comitato etico della Fondazione Veronesi, si scaglia contro la scelta di testare nuovi farmaci su pazienti scelti a caso. La randomizzazione utilizzata per poter sperimentare nuove terapie, suddividendo i malati in due distinti gruppi, e scegliendo a caso, come nel gioco dei dadi, a chi spetta il trattamento e a chi no, è una scelta immorale e crudele, soprattutto nei confronti delle persone che non possono accedere a tali trattamenti.

Il sistema è riconosciuto a livello internazionale da tutti i ricercatori, come il più valido per poter testare nuovi farmaci e nuove molecole, utilizzato dal 1946 e ancora in voga oggi. Venerdì scorso il comitato, nato due anni fa, ha stilato un documento nel quale si scrivono tutti i punti critici di questo sistema, considerato poco efficace e, dal punto di vista etico, decisamente crudele:

La riflessione bioetica non può trascurare o liquidare la controversia morale che emerge dai modelli random largamente in uso. Anche la consapevolezza che questi problemi esistono e che occorre tentare di trovare nuove soluzioni almeno parziali costituisce un obiettivo con profonda valenza morale da porre all'attenzione dei medici sperimentatori.

Scopo di tale documento è individuare la metodologia giusta per poter salvaguardare sia il metodo sia gli individui, senza rischiare che alcuni pazienti possano perdere valide opportunità di poter accedere a trattamenti di cura che potrebbero rivelarsi efficaci.

Via | Corriere

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail